Stasera a Norcia: in piazza San Benedetto il concerto “Le cose più belle”

Con la partecipazione del celebre gruppo di percussionisti Tetraktis e di prestigiosi solisti del mondo del jazz e del teatro italiani

NORCIA (Perugia) – Stasera, alle 21, si terrà in piazza San Benedetto a Norcia il concerto “Le Cose più belle”, con l’esecuzione di Banda Sonora, progetto musicale ideato da Battista Lena, di cui è anche compositore. Il concerto vede la partecipazione della Banda Musicale «Città di Norcia» in collaborazione con la Banda Musicale di Bevagna, diretta dal Maestro Filippo Salemi, e la collaborazione della Banda dell’Istituto Musicale «Bonaventura Somma» di Chianciano Terme.

Parteciperà il celebre gruppo di percussionisti Tetraktis e prestigiosi solisti del mondo del jazz e del teatro italiani come Pedro Spallati, Marcello Di Leonardo, Andrea Ambrosi, Giampaolo Casati, Luciano Biondini e lo stesso Battista Lena. Il concerto, che era già stato eseguito con grande successo e partecipazione lo scorso maggio proprio a Norcia, è promosso dalla Fondazione Perugia Musica Classica Onlus in collaborazione con il Comune di Norcia è ed inserito nei progetti finanziati dalla Regione Umbria (per gli spettacoli dal vivo nei comuni del “cratere” del sisma del 2016). L’ingresso è libero e gratuito.

«Banda Sonora» è un progetto musicale ideato da Battista Lena nel 1996 e originariamente realizzato con la Banda Bonaventura Somma di Chianciano Terme, che in quell’occasione si unì a grandi musicisti quali Enrico Rava, Gabriele Mirabassi, Gianni Coscia, Enzo Pietropaoli e Marcello Di Leonardo. Presentato a Umbria Jazz nel 1997, divenne un disco per la prestigiosa etichetta francese Label Bleu vincendo lo “Choc de la musique” e il “Teleramà”. Fu anche protagonista di un documentario per la regia di Francesca Archibugi, «La strana storia di Banda Sonora» che fu presentato alla Mostra del Cinema di Venezia l’anno successivo, dove ottenne il premio «Jean Rouch» per il miglior documentario. «Banda Sonora» fu il primo episodio di un’esperienza di incontro fra musicisti amatoriali e grandi professionisti, che è attiva tutt’ora e che ha prodotto titoli come “I Cosmonauti Russi”, “Mille Corde”, “Ultimo Cielo”. Negli anni successivi il progetto fu presentato in tutta Europa e perfino in Cina rinnovando ogni volta l’entusiasmo di un incontro umano e musicale autentico con gruppi amatoriali diversi per provenienza, lingua, cultura.

Colpito da un pugno, muore a Norcia ad appena 32 anni

La lite è iniziata per utili motivi fuori da un pub della zona

NORCIA (Perugia) – Sarebbe iniziata «per futili motivi» la lite che all’alba di domenica mattina, a Norcia, è finita con un 32enne in coma e con un altro, suo coetaneo, arrestato per tentato omicidio. Il dramma si è consumato fuori da un pub della zona. Dove i carabinieri sono intervenuti intorno alle 5.

Uno dei due ragazzi avrebbe colpito l’altro con un pugno, ricostruiscono i militari, probabilmente al volto. Con tanta violenza da farlo finire a terra privo di sensi. Il giovane – che lavora in Inghilterra e che era tornato per trascorre in Umbria il periodo estivo – era già in coma quando sono arrivati i soccorsi. L’ambulanza lo ha trasportato prima all’ospedale di Spoleto poi a quello di Terni. Mentre il presunto aggressore, immediatamente identificato, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

Aggiornamento: Inutili, alla fine, i tentativi di salvare la vita del giovane. «Non c’è stato nulla da fare per il 32enne nato a Norcia che alle ore 9 circa del 29 luglio è stato trasferito dall’ospedale di Spoleto a quello di Terni in stato di coma ed emorragia cerebrale. L’uomo era in condizioni gravissime – si legge in una nota dell’Azienda ospedaliera -. Alle ore 17.34 (di domenica, ndr) è iniziato l’accertamento di morte cerebrale (sei ore sono i tempi tecnici per confermare l’avvenuto decesso)».

Post sisma, riapre il primo agriturismo a Catselluccio

E già c’è chi prenota per Capodanno

NORCIA (Perugia) – Timidi segnali di ritorno alla normalità. Mercoledì 1 agosto a Castelluccio di Norcia riaprirà il primo agriturismo ristrutturato dopo il sisma del 2016. E c’è già chi ha prenotato una stanza per Capodanno, riporta Ansa.it.

Il titolare dell’impresa che gestisce il “Monte Veletta”, Ottavio Testa, si dice pieno di speranze per i mesi a venire. Nonostante quelli appena trascorsi, racconta all’agenzia, siano stati da incubo. Il problema principale? Le vie di accesso al piccolo borgo: «I primi mesi dopo il terremoto per arrivare da Norcia a Castelluccio dovevamo percorrere 96 chilometri passando per strade secondarie, quando normalmente sono una trentina».

“Miss Vintage”: un calendario per aiutare i terremotati di Norcia

Sualzo beach a Passignano sul Trasimeno

Le ragazze che poseranno per l’iniziativa saranno scelte tra quelle che sabato sfileranno – in pieno stile anni Cinquanta e Sessanta – al Sualzo beach di Passignano sul Trasimeno

PASSIGNANO SUL TRASIMENO (Perugia) – Realizzare un calendario, in pieno stile anni Cinquanta e Sessanta, per aiutare i cittadini e le attività vittime del terremoto del 2016. È lo scopo del concorso “Miss Vintage” – ideato da Michela Bigonzoni con il sostegno di Alessandro Minuti – dal quale usciranno le sei ragazze che poi poseranno per riempire i dodici mesi del calendario. Per la sfilata – sabato 21 luglio, al Sualzo beach di Passignano sul Trasimeno, nel corso della serata “Sualzo jamboree” – le ragazze indosseranno abiti originali degli anni Cinquanta e Sessanta offerti da Alice Ferretti del negozio perugino Circle, e sfoggeranno bellissime acconciature realizzate dalle mani delle Sorelle Fontana di Ponte San Giovanni.

Gli scatti saranno realizzati dal fotografo ternano Massimo Massinelli, finalista della seconda edizione del FFF Festival Europeo, con la collaborazione di Sara Luzzi e dalla stylist Shaila Sabatini, finalista della terza edizione delFFF Festival Europeo. Il calendario sarà realizzato tra la fine di luglio e gli inizi di dicembre, anche all’interno delle autofficine che hanno aderito all’iniziativa come la Pit stop di Andrea Rivaroli. Il ricavato delle vendite, che sarà effettuata dalla Casa del contachilometri, sarà devoluto all’associazione Una vita per Castelluccio di Norcia onlus.

Castelluccio di Norcia: semi e fiori nei parchi e nei piatti dei migliori chef

Il direttore Lorenzo Mariani con i soci della cooperativa Nicholas Perla, Dina Porrazzini e Nello Perla

L’innovativo progetto promosso da Confcooperative Umbria per valorizzare il tesoro del Pian Grande

PERUGIA – Castelluccio di Norcia e i suoi della sua fiorita saranno protagonisti nei parchi di molte città italiane e nei piatti dei maggiori chef stellati grazie ad un progetto d’innovazione promosso da Confcooperative Umbria.

Il progetto vede come capofila la Cooperativa Agricola di Castelluccio e sta trovando attuazione grazie al contributo della Regione Umbria attraverso la misura 16.2.2 del Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020.
È il direttore regionale di Confcooperative-FedAgriPesca, Lorenzo Mariani, a svelarne la genesi: «Due anni fa, insieme al presidente Nello Perla ed ai soci della storica Cooperativa Agricola di Castelluccio e con il supporto tecnico ed agronomico della Società ATM Consulting di Perugia, abbiamo immaginato possibili scenari per la valorizzazione dei mille colori dei fiori che tempestano tra giugno e luglio il Pian Grande e che nascono spontaneamente nei campi seminati con le preziose lenticchie. Il terremoto ha poi dilatato i tempi, ma non ha affievolito la determinazione di tutti i partner a portare avanti un progetto innovativo che oggi sta diventando realtà e potrebbe rappresentare una pietra miliare sulla quale costruire un’opportunità concreta di valorizzazione di Castelluccio e di riscatto per gli agricoltori soci della Cooperativa, le cui strutture sono state rase al suolo dagli eventi sismici del 2016».

Il presidente della cooperativa Nello Perla non manca di ricordare come «nei mesi difficilissimi del post sisma non ci siamo persi d’animo e con il supporto di ATM Consulting di Perugia e Fitoconsult di Varese abbiamo tradotto il tutto in una istanza di contributo presentata alla Regione dell’Umbria sul bando di innovazione di processo e prodotto, misura 16.2.2 del Piano di Sviluppo Rurale, che ha trovato poi approvazione e finanziamento con un punteggio elevatissimo. Così, Norcia e Castelluccio possono ripartire anche da progetti ambiziosi e d’innovazione come questo che abbiamo condiviso a suo tempo grazie a Confcooperative con l’Assessore regionale Cecchini e che potrebbero restituire ai produttori soci un maggiore reddito, generando concrete opportunità occupazionali per i giovani del nostro territorio».
I dettagli su come verranno impiegati semi e petali vengono svelati dall’agronomo Mario Sanna di ATM: «Il progetto che stiamo mettendo in campo partiva da una sfida senza precedenti finalizzata alla raccolta, riproduzione e messa in busta dei semi dei fiori che accendono la fioritura di Castelluccio dopo la semina della preziosa lenticchia. Oggi, punta a sperimentare anche altri filoni di valorizzazione come l’impiego culinario dei petali dei fiori e dei semi dei papaveri “Made in Castelluccio” nelle elaborazioni culinarie degli chef stellati o nell’utilizzazione dei petali nella carta artigianale di Bevagna».
«Il fatto che gli abitanti di tante città metropolitane potranno vedere impreziosite le loro aree verdi con i colori della fiorita o apprezzarne la valorizzazione culinaria dei petali nelle ricette dei ristoranti più alla moda – conclude il Direttore Mariani – crediamo che costituisca un fattore promozionale importante per Castelluccio di Norcia, stimolando molti turisti a venire a vedere dal vivo lo spettacolo del Pian Grande reso di nuovo accessibile».

Norcia, Enel e Sasu insieme per affrontare le emergenze elettriche

La firma sul protocollo di collaborazione è arrivata venerdì. E intanto E-Distribuzione dona un carrello per il trasporto dei quad al Soccorso alpino

NORCIA (Perugia) – Un protocollo di collaborazione per la «gestione delle emergenze elettriche» che, nel caso di danni «dovuti da calamità naturali», consentirà a E-Distribuzione (società del gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica di media e bassa tensione) e Soccorso alpino e speleologico Umbria (Sasu) di condividere mezzi e conoscenze: per garantire un più efficace e rapido intervento; per fare rete.

L’accordo è stato – messo nero su bianco venerdì mattina dal presidente del Sasu, Mauro Guiducci, e dal responsabile zona Umbria di E-Distribuzione, Ivo Forelli – prevede che il Sasu metta a disposizione uomini e mezzi per sostenere i tecnici di E-Distribuzione nel raggiungere i luoghi di intervento più impervi. Nell’occasione E-Distribuzione ha donato al Soccorso alpino un carrello per il trasporto dei quad. Alla firma hanno assistito il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, l’assessore Giuseppina Perla, il responsabile sicurezza e ambiente E-Distribuzione Toscana e Umbria, Alberto Breschi, il referente affari istituzionali Toscana e Umbria di Enel, Emiliano Maratea, e il presidente Anse (Associazione nazionale seniores Enel) Toscana e Umbria, Enzo Severini.

«L’accordo – ha dichiarato Guiducci – nasce a seguito del lavoro congiunto effettuato durante le emergenze che dall’agosto 2016 si sono succedute e ci hanno visto collaborare con E-Distribuzione per la gestione delle numerose emergenze. Abbiamo deciso di concretizzare questo rapporto per gestire al meglio le risorse e l’operato in situazioni critiche». «Ci fa particolarmente piacere – ha affermato Forelli – firmare questo protocollo che valorizza un importante lavoro fatto insieme al Soccorso Alpino e Speleologico in questi anni e soprattutto di rendere ancora più efficiente ed efficace la collaborazione esistente. Un grazie particolare anche al Sindaco Alemanno e alle Istituzioni con cui abbiamo gestito al meglio tutte le emergenze».

All’iniziativa è intervenuto anche Giorgio Gai dell’esercizio e manutenzione rete della sede centrale di E-Distribuzione, che ha presentato le attività di innovazione tecnologica dell’azienda elettrica, tra cui una flotta di droni che hanno possibilità di volo non a vista per le ispezioni degli impianti elettrici. La giornata, infatti, è proseguita con un “trekking elettrico” da Pian Grande fino a Castelluccio di Norcia lungo la linea elettrica di media tensione “San Pellegrino”, che nell’occasione è stata anche ispezionata dai droni.

Paura a Castelluccio di Norcia: spariscono due bambini sul Pian Grande

Le ricerche del Soccorso alpino speleologico dell’Umbria

NORCIA (Perugia) – Scomparsi, di punto in bianco. Durante un picnic coi genitori. Attimi di paura per una coppia di turisti in visita al Pian Grande, a Castelluccio di Norcia. Che nel bel mezzo di una gita fuori porta, fino a quel punto serena, intorno all’ora di pranzo hanno perso di vista i due figli minori e sono andati nel panico. Comprensibilmente.

Immediata la telefonata ai soccorsi. E immediato l’intervento del Sasu, il Soccorso alpino e speleologico dell’Umbria. A portarsi per primo sul posto è stato il presidio di stanza a Castelluccio, mentre altre tre squadre provenienti da Spoleto, Terni e Perugia raggiungevano i colleghi, avvisanfo anche i carabinieri di Norcia. Sforzi doverosi – e sempre efficaci, vista la rapidità di intervento nell’occasione del Sasu, capillarmente distribuito sul territorio – ma vivaddio inutili visto che dopo un quarto d’ora i due bambini hanno trovato la via del ritorno e hanno quindi riabbracciato i genitori, rincuorati. Tutto è bene cio che finisce bene.

Tragedia a Norcia: moto contro un furgone, muore 66enne

Ambulanza (foto d'archivio)

Incidente fatale domenica mattina lungo la strada per Preci: la vittima è un motociclista

NORCIA (Perugia) – Uno scontro improvviso, l’impatto violento. E non c’è stato nulla da fare per l’uomo di 66 anni alla guida della moto finita contro un furgone.

L’incidente è avvenuto domenica mattina lungo la strada provinciale che da Norcia arriva a Preci. Sul posto, allertati da chi guidava il furgone, sono intervenuti i sanitari del 118 che però hanno solo potuto constatare il decesso del 66enne, originario delle Marche. Impegnati nei rilievi del caso per stabilire la dinamica dell’incidente mortale, i carabinieri della Compagnia di Norcia.