Da Pordenone ad Assisi a piedi per sensibilizzare sul tema dell’autismo

Il viaggio di Valentino: "Autismo, percorso di vita" fa tappa a Perugia

Il viaggio di Valentino: “Autismo, percorso di vita” fa tappa a Perugia

PERUGIA – Nel primo pomeriggio di lunedì 13 agosto, tra le ore 13.00 e le ore 14.00, presso la frazione di Fratticiola Selvatica, farà tappa la marcia di sensibilizzazione sul tema dell’autismo dal nome “Autismo: percorso di vita”.

Il progetto, presentato anche sulla rete ammiraglia Rai durante la trasmissione “La vita in diretta”, vede come protagonista Valentino Gregoris, membro del direttivo di “Noi Uniti per l’Autismo Onlus Pordenone”, associazione operante nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia e che riunisce genitori di bambini, ragazzi o adulti affetti da sindrome dello spettro autistico. Valentino si è fatto promotore dell’iniziativa che lo vede in cammino già dal 1 agosto, giorno in cui è partito dalla piazza principale del comune di San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone, per arrivare il 14 agosto ad Assisi; una marcia individuale a tappe che ha già toccato numerose località.

Un pellegrinaggio dunque di circa 400 km, con l’obiettivo di sensibilizzare ed informare quanto più possibile la collettività riguardo al tema dell’autismo, ma anche di creare nuove reti tra associazioni affini, attraverso scambi di esperienze e momenti di confronto durante le soste di questo emozionante viaggio. Valentino e quanti lo accompagneranno, tra cui il Presidente dell’associazione Luca Apollonio, saranno accolti presso la Casa della Gioventù con un piccolo comitato di benvenuto che vedrà coinvolti insieme all’Amministrazione comunale anche la parrocchia, la Società Sportiva, la Pro Loco di Fratticiola, oltre ad alcuni rappresentanti di associazioni impegnate sul fronte dell’autismo.

Sbanda e si ribalta con l’auto tra Petrignano e Bastia: ferito

L’incidente giovedì mattina: i soccorsi

ASSISI (Perugia) – Spettacolare ma fortunatamente senza gravi conseguenze, l’incidente stradale in cui questa mattina, prima delle 10.30, è rimasta coinvolta una Lancia Y sulla strada che collega Petrignano a Bastia. Dopo aver sbandato, l’automobile ha terminato la sua corsa capovolta sul tettuccio, completamente ribaltata, con gli effetti che si vedono in foto. Ferita solo in maniera lieve la persona al volante: soccorsa dai vigili del fuoco del distaccamento di Assisi, personale del 118 e forze dell’ordine.

Assisi, ha un lavoro ed è incensurato: sorpreso mentre ruba al cimitero

Cimitero

«Attraverso un momento di particolare difficoltà economica», dirà ai poliziotti

ASSISI (Perugia) – Lo hanno beccato mentre rubava 20 chili di rame nel cimitero di Capodacqua, i poliziotti del commissariato di Assisi. E quando lo hanno sorpreso, e quando poi lo hanno identificato sono rimasti di sasso. Perché il 31enne sembrava tutto fuorché un ladro di professione: incensurato, un lavoro stabile, agli agenti più tardi dichiarerà di trovarsi in un momento di particolare difficoltà economica. Voleva prendere quelle canaline, rivenderle, e fare qualche soldo.

Quando i poliziotti lo hanno fermato, gli hanno trovato addosso una torcia, le cesoie con cui aveva tagliato la catena del cancello di accesso e un coltello a serramanico con lama di 10 cm. L’uomo è stato arrestato per tentato furto aggravato, convalidato in sede di udienza per direttissima, senza l’emissione di alcuna misura restrittiva nei suoi confronti.

Assisi, un milione di euro per 13 chilometri di strade nuove

Via del Molino

Da ottobre due mesi di interventi per il rifacimento dell’asfalto su diverse vie comunali

ASSISI (Perugia) – Strade comunali più sicure e “lisce”: il Comune di Assisi vara il Piano strade 2018.

La giunta guidata dal sindaco Stefania Proietti ha varato infatti il progetto esecutivo atteso da tempo, di importo pari a un milione di euro, per riqualificare, mediante rifacimento di manto asfaltato e binder, diverse strade comunali, in particolare delle frazioni, oltre ad alcune vie ad alta percorrenza del capoluogo. Gli interventi fanno parte del Piano Strade 2, finanziato nel bilancio preventivo 2018 con 1 milione di euro (che si somma ai 450mila euro del Piano Strade 1), messi a bilancio nel 2017 e i cui interventi sono in fase conclusiva.

Via Cerquetta
I lavori – spiegano dal Comune – prevedono l’asfaltatura, il ripristino della segnaletica, la riqualificazione del manto stradale in 30 vie, oltre alla risagomatura dei fossi per la corretta gestione delle acque meteoriche in alcuni tratti delle frazioni e di montagna. In totale saranno riqualificati oltre 13 km di viabilità comunale con particolare attenzione alle frazioni, dove da anni si attendevano interventi sulle strade.
I lavori, dopo l’appalto, cominceranno a metà ottobre e dureranno, condizioni metereologiche permettendo, un paio di mesi.

«Le strade – dichiara il sindaco Stefania Proietti – sono un servizio essenziale per i cittadini e un biglietto da visita per i tanti turisti e visitatori che giungono nella Città Serafica da ogni parte del mondo. L’impegno della Giunta, in particolare di Valter Stoppini, vicesindaco con delega alla manutenzione e alla viabilità, dimostra l’attenzione alla cura del territorio e alla centralità delle frazioni che questa amministrazione ha inserito come priorità nelle proprie linee programmatiche».

«Abbiamo più che raddoppiato gli investimenti, già cospicui nel Piano Strade 1 – spiega Stoppini -, perché una priorità del nostro mandato è la qualità della rete viaria. Vogliamo rendere ancora più sicura la viabilità soprattutto nelle frazioni. Le risorse che abbiamo impiegato, in questi pochi mesi, per le strade comunali sono più del doppio di quelle impegnate in totale negli ultimi 25 anni: i cittadini ce lo chiedono, noi lo abbiamo fatto. Tanto c’è da fare, ma intanto contano i fatti».

Via Carlo Alberto dalla Chiesa
Via Carlo Alberto dalla Chiesa

 

Assisi, torna il Cortile di Francesco

Oliviero Toscani (foto Facebook)

Due giorni di incontri e conferenze: arrivano il cardinal Ravasi, Carlo Cottarelli, Paul Fitoussi, Michelangelo Pistoletto e Oliviero Toscani

ASSISI (Perugia) – Torna ad Assisi il “Cortile di Francesco”. Dopo il successo delle passate edizioni al via il quarto appuntamento, che si terrà il prossimo 21 e 22 settembre nella Basilica di San Francesco d’Assisi.

Parteciperanno tra gli altri il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, il cardinal Gianfranco Ravasi, gli economisti Carlo Cottarelli e Jean-Paul Fitoussi, e gli artisti Michelangelo Pistoletto e Oliviero Toscani. Due giorni di incontri, conferenze e workshop.
Un programma ricco di eventi con ben 20 incontri e circa 30 relatori, ospiti internazionali, che vedrà la partecipazione di personalità della società civile, della cultura, della politica e dell’arte, ma anche tanti uomini e donne pronti ad ascoltare e a dialogare tra loro sul tema delle “Differenze”.

Tutte le informazioni e il programma completo saranno disponibili nei prossimi giorni sul sito www.cortiledifrancesco.it.
L’evento realizzato dal Pontificio Consiglio della Cultura, dal Sacro Convento di Assisi, dalla Conferenza Episcopale Umbra e dall’Associazione Oicos Riflessioni e in collaborazione con la Regione Umbria si inserisce all’interno del progetto “Il Cortile dei Gentili”. Lo rende noto il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.

Per maggiori informazioni: www.cortiledifrancesco.it – Facebook “Cortile di Francesco Assisi” – Instagram “Cortile_di_Francesco”

Aggredisce senza motivo un estraneo: gli tira un pugno, poi lo minaccia con una bottiglia

Stazione ferroviaria Santa Maria degli Angeli, Assisi

L’incredibile storia a Santa Maria degli Angeli

ASSISI (Perugia) – L’episodio, talmente assurdo da sembrare incredibile, pochi giorni fa alla stazione ferroviaria di Santa Maria degli Angeli. Primo pomeriggio, banchine a ridosso dei binari: su una panchina siede un 47enne di Ancona; su un’altra un 33enne marocchino che di colpo perde la testa. Prima inveisce contro l’uomo dicendogli di andarsene. Poi, alla richiesta di spiegazioni da parte di quest’ultimo, gli sferra un pugno alla bocca, si toglie la maglietta, raccoglie da un secchio dell’immondizia una bottiglia di vetro e lo minaccia.

Una scena allucinante che si è conclusa solo quando il 47enne – che a proposito: rimedierà 5 giorni di prognosi – terrorizzato troverà rifugio nella biglietteria della stazione. Il teppista è stato bloccato poco più tardi da una volante del commissariato di Assisi: spavaldo, non si era neppure allontanato dalla stazione. Rintracciato in fretta e altrettanto in fretta rilasciato: il ragazzo, con numerosi precedenti di polizia per i quali in passato è stato anche arrestato, se l’è cavata con una denuncia in stato di libertà per lesioni personali. Nei suoi confronti è stata inoltre avviata la procedura per l’emissione del foglio di via dal Comune di Assisi.

Vuole emulare la banda dei garage ma sceglie il box auto sbagliato: è di un poliziotto. Arrestato ad Assisi

Foro garage

L’agente è tornato a casa, ha notato la luce accesa nel box auto, l’ha vista spegnersi. Poi ha chiamato i colleghi…

ASSISI (Perugia) – La tecnica è la stessa utilizzata dalla banda sgominata tempo fa a Perugia. Praticano un foro sulla saracinesca del garage, all’altezza della serratura. Fanno leva sul meccanismo di apertura, entrano, e in poco tempo portano via tutto. Anche per fare i criminali, però, servono astuzia, destrezza e fortuna. E al presunto emulatore arrestato stanotte a Santa Maria degli Angeli la sorte non ha affatto sorriso.

Avrebbe scelto il garage di un poliziotto, come bersaglio. Un agente del commissariato di Assisi che aveva appena smontato dal turno. Che è tornato a casa, ha notato la luce accesa nel box auto, l’ha vista spegnersi. E che quando ha trovato il piccolo foro vicino alla maniglia di apertura, ha immediatamente telefonato ai colleghi. Quando gli agenti sono arrivati e hanno fatto irruzione, hanno trovato il ragazzo, un 22enne brasiliano da tempo residente ad Assisi, ancora all’interno del garage. A terra, di fianco, il kit completo dello scassinatore: vari arnesi, una pinza con punte sottili eduna cesoia per tagliare fili di ferro.

Portato in commissariato e identificato, in capo al giovane sono emersi precedenti specifici e un foglio di via dal comune di Valfabbrica. Al ragazzo, il cui arresto per tentato furto aggravato è già stato convalidato, è stata concessa la misura dell’obbligo di firma.

Ubriaco fradicio, aggredisce senza motivo un conoscente: in pieno centro storico ad Assisi

Bottiglia rotta a terra

“Pizzicato” dalla polizia nel corso di un maxi controllo nell’Assisano. Fermate 180 auto. E scattano le denunce

ASSISI (Perugia) – Maxi controlli nell’Assisano. Nei giorni scorsi gli uomini del commissariato di Assisi e del Reparto prevenzione crimine Umbria-Marche hanno fermato e identificato 320 persone, controllato 180 auto e denunciato due persone. Una, un ragazzo assisano di 22 anni, dopo aver provato a eludere uno dei 30 posti di blocco istituiti lungo le vie di accesso alla città, si è rifiutata di sottoporsi all’alcoltest e si è vista ritirare la patente. L’altra, un marocchino di 37 anni, è risultata inottemperante a un divieto di ritorno nel comune di Assisi emesso dal questore nel gennaio scorso, e per questo è stato deferito all’autorità giudiziaria.

Sempre nel corso dei controlli, stavolta in pieno centro storico ad Assisi, gli agenti hanno anche “pizzicato” un 32enne del posto che, «in palese stato di alterazione alcolica» riferiranno gli agenti, intorno a mezzanotte ha aggredito senza motivo un conoscente. Il ragazzo se l’è cavata con poco, tutto sommato: per lui è solo scattata una sanzione amministrativa per ubriachezza molesta. Tutto bene, fino al prossimo bicchiere.

Spara con il fucile ad aria compressa contro i piccioni sul fiume: denunciato per procurato allarme

Scoperto grazie a un passante che ha avvertito la polizia

ASSISI (Perugia) – Voleva provare l’arma appena comprata. E per farlo ha pensato bene, anzi male, di andare a sparare a piccioni e germani lungo le sponde del Chiascio. Davvero una pessima idea quella del 48enne rumeno, denunciato nei giorni scorsi per procurato allarme dalla polizia del commissariato di Assisi. Un passante lo ha visto sotto un ponte con la carabina nelle mani, ricostruisce la questura. E quando gli è andato a chiedere spiegazioni si è sentito rispondere, candidamente, che voleva sparare ai volatili per testare il nuovo acquisto. Intuita la contrarietà suscitata nel suo interlocutore, ha riposto l’arma e se ne è andato, non potendo però impedire che l’altro appuntasse il numero di targa e lo comunicasse alla polizia.

Arrivati sul posto, gli agenti hanno trovato pezzi di pane e chicchi di mais, evidentemente utilizzati come esche per gli uccelli. I successivi accertamenti hanno permesso di individuare il presunto responsabile – con all’attivo numerosi precedenti di polizia e già in passato fermato a bordo dell’auto segnalata con una carabina di libera vendita munita di ottica – e di rintracciarlo a casa sua. L’uomo ha spontaneamente consegnato la carabina, rivelatasi poi ad aria compressa, ed è stato denunciato per procurato allarme.

 

«Su Assisi card solo menzogne e falsità»: le verità del Comune

«Un progetto utile per la città e i cittadini»

di Comune di Assisi
(riceviamo e pubblichiamo)

ASSISI (Perugia) – Il progetto Assisi Card, condiviso unanimemente dal settore ricettivo e dagli stakeholders della Città, si qualifica come un gesto di benvenuto ad Assisi: ricordiamo che la Assisi Card è gratuita, non si acquista ma è la Città che la regala, la dona a chi ci sceglie come destinazione di soggiorno, ed in quanto Città di San Francesco dovremmo insieme sempre più sforzarci, nel rispetto dei propri ruoli, per arrivare ad un sistema di accoglienza capace di soddisfare i bisogni di tutti, in una logica di dono e non di “compravendita”. Pertanto sono talmente fuorvianti le falsità contenute nelle esternazioni di alcuni esponenti politici che ci costringono a una risposta istituzionale, ovviamente inerente solo a smentire, fornendo corrette informazioni, le fake news artificiosamente veicolate a mezzo stampa.

Innanzitutto è falso che le categorie dei tassisti non siano stata coinvolte. Le varie categorie di trasporto Taxi sono state coinvolte sin dal 2017 per condividere il progetto, successivamente anche nell’elaborazione del piano tariffario e della scontistica che ha portato alla Assisi Card. Responsabile dei contatti è stato ed è il referente Confcommercio Assisi, che ha interloquito con i rappresentanti delle categorie di Taxi per decidere la scontistica applicata. È quindi falso che la categoria non sia stata coinvolta, anzi, come afferma lo stesso autore dell’articolo, lo è stata ben prima della presentazione di lancio.

In merito al presunto «non coinvolgimento degli operatori» e agli albergatori che «non hanno ricevuto nessuna comunicazione» i Cittadini e gli operatori devono sapere che:

  • l’Assisi Card è un progetto che nasce con il piano di spesa dell’imposta di soggiorno ampiamente condiviso, sin da ottobre 2017, con l’Osservatorio sull’imposta di soggiorno (formato da operatori e categorie di settore) e con i tavoli turismo e cultura la cui ultima riunione si è tenuta lo scorso 3 luglio
  • i 549 operatori del settore ricettivo di Assisi sono stati tutti raggiunti da una email (vedi immagine) che li invitava alla presentazione “di lancio” della Card nella quale – così come nel comunicato stampa – è stato spiegato che *la Assisi Card sarà attiva nei prossimi giorni a seguito degli incontri informativi già programmati per i prossimi 26 e 30 luglio con tutte le strutture ricettive *
  • il personale dello Iat e dell’ ufficio turismo, sia dipendenti del Comune di Assisi che del concessionario Coopculture, smentiscono assolutamente di aver mai risposto al telefono di “non sapere niente”, circostanza peraltro improbabile dal momento che la comunicazione con dettagli anche su scontistiche e riduzioni era stata inviata via email a tutti gli impiegati nell’ufficio turismo prima ancora della presentazione (vedi immagine)

In conclusione invitiamo a concentrare la dialettica politica (possibilmente scevra da fake news) su altri temi, e non su un progetto, come l’ Assisi Card, indubbiamente utile per la Città e per i cittadini.