Lo stile cow-girl prende al lazo la moda autunno-inverno

Il trend per la prossima stagione è chiaro: stivali, cappelli e frange alla John Wayne

Uno stile che non è mai del tutto passato di moda, ma che sarà il must della prossima stagione.

L’autunno-inverno infatti parla texano e farà felici tutte le donne che amano stivali alla John Wayne, giubbotti e giacche con le frange e orecchini con pendenti e piume.
Saranno proprio gli accessori a rendere ancora più trendy il ritorno allo stile da cow-girl, tra pendenti e bijoux. Per il resto, il bello sarà il mix: pizzi e merletti abbinati a stivaloni modello camperos, maxi vestiti con cappelli decorati e tanto, tanto animalier.

Chiara Ferragni con stivali da cowboy
Chiara Ferragni con stivali da cowboy

 

“La donna: un diamante prezioso”. Prima collezione di abiti dipinti su tessuto firmata da Simona Costa

FOTO | C’è molto più di un abito e molto più di un dipinto in ogni sua opera: ci sono le donne. A settembre defilé ed esposizione, a Perugia

Redazionale sponsorizzato

PERUGIA – C’è molto più di un abito e molto più di un dipinto, nei modelli della prima collezione firmata da Simona Costa, l’artista premiata con la prima fascia di Miss Tela dipinta al “Mugnano street art 2018”. Tessuti come tele. Abiti affrescati di colori capaci di raccontare femminilità, bellezza, energia sessuale. In una sola parola, capaci di raccontare la donna. C’è questo e molto altro dietro al brand lanciato da Simona Costa, Dipingo con il cuore. Che il 9 settembre sarà presentato, con tanto di defilé, alla Casina Rossa in via Pievaiola a Perugia, nel corso di un evento – coordinato da La Maggy Style – lungo un’intera giornata: “La Donna: un diamante prezioso”, dedicato alla tecnica di pittura e riciclo su tessuto.

Nelle sue creazioni Simona racconta l’universo femminile utilizzando gli elementi della terra, dell’acqua e del fuoco, che il suo pennello traduce in metafora e richiamo di energia sessuale, sensualità e femminilità. Una visione trasversale della donna, che affronta la vita con diversi volti e stati d’animo, raffigurata con la simbologia tanto cara all’artista. E allora, i dipinti prendono vita, sprigionano energia vitale, i quadri escono dagli abiti e si fondono con l’aria che muove le gonne, diventando un tutt’uno con l’ambiente che li circonda. Come due opposti che si fondono insieme. Come il carbonio che compone il diamante, la pietra più dura, e la grafite, quella più tenera, di cui sono fatte le matite con cui Simona disegna.

«Si ringrazia la pro loco di Mugnano per la concessione della gonna Miss Tela dipinta», dicono gli organizzatori. Che aspettano curiosi e appassionati di arte e moda il 9 settembre a “La Casina Rossa”, in via Pievaiola a Perugia, dove sarà allestito anche un temporary shop. La collezione sarà esposta tutto il giorno – con possibilità di prova abiti – nel giardino del locale a partire dalle 11, mentre il defilé pret-à-porter, accompagnato da bollicine, si svolgerà alle 17.30. Per tutta la durata dell’evento, infine, saranno proposte consulenze gratuite per la bellezza della donna: makeup, hair stylist e personal shopper. «In caso di maltempo – comunicano ancora gli organizzatori – l’evento si effettuerà in taverna. Per info e prenotazioni: La Maggy Style 335.7157254 – Il Blog di Maggy – https://diarypuzzlewedding.blog/

 

Turbanti, mollette e fermacoda: gli anni ’50 e ’90 tornano in testa

Cristina Parodi con il turbante (foto Instagram)

Anche i capelli vogliono la loro parte di fashion: cosa è trendy per questa estate

Carrie Bradshow ci ha perso un fidanzato per avergli dimostrato come il fermacoda di una donna confermasse il suo non essere newyorkese e, quindi, alla moda.

Chissà cosa dice adesso Sarah Jessica Parker, che l’ha interpretata rendendo Carrie un’icona dello stile e del fashion, a sapere che i fermacoda anni ’90 sono tra gli accessori per capelli più trendy dell’estate. Insieme a mollette e pettinini (quelli che le nonne chiamavano pettinisse) che tornano all’improvviso dagli anni Cinquanta.
In testa, immancabili anche foulard, bandane e turbanti: colorati, divertenti, un po’ etnici e un po’ (ancora) anni ’60.

Moda e cappelli 2018: vestivamo alla pescatora

Il trend dell’estate è il bucket hat. Per tutti i gusti

Ripara dal sole ma, soprattutto, è trendy. Mai come quest’anno il must have dell’estate è il cappello, rigorosamente alla pescatora.

A falda lunga o più corta, poco importa: sulle passerelle se ne sono visti davvero di tutti i colori. E di tutti i tessuti e i materiali. Perché il cosiddetto bucket hat è perfetto sia al mare che in città, come dimostra anche Rihanna nella foto di copertina. Quello della cantante si avvicina molto alla proposta di Chanel che per l’estate punta al pvc trasparente, mentre Gucci li propone di satin o vernice dipinta. Versace li immagina addirittura in abbinamento al costume. Provare per credere.

 

 

 

Vivienne Westwood e Burberry insieme per celebrare lo stile British

Collezione in edizione limitata: prima collaborazione del celebre brand sotto la direzione creativa dell’italiano Riccardo Tisci

Una collezione per ridisegnare i capi più classici dello stile Inglese, e celebrare così l’heritage British del brand Burberry, in una esclusiva collezione da produrre e firmare insieme all’iconica designer Vivienne Westwood. La collezione – in edizione limitata – sarà la prima collaborazione per Burberry dell’epoca Riccardo Tisci, nuovo direttore creativo, e sarà presentata a dicembre.

«Vivienne Westwood è una delle prime designer che mi ha fatto sognare di fare questo lavoro e quando ho iniziato da Burberry ho pensato che sarebbe stata l’occasione adatta per collaborare insieme. Lei è una ribelle, una punk, ineguagliabile nella sua rappresentazione dello stile British, che ha ispirato molti stilisti della mia generazione e di quelle successive. Sono incredibilmente fiero di quello che andremo a creare insieme», dichiarato a Vogue, in merito alla collaborazione, Riccardo Tisci. Una parte dei ricavi sarà devoluta in favore di Cool Hearth, celebre associazione no profit per la salvaguardia delle foreste e il cambiamenti climatici.

Estate 2018, dove vai se la ciabatta non ce l’hai?

La tendenza di moda per questa stagione è la scarpa rasoterra. E la Carrie Bradshow nascosta in ogni donna se ne farà una ragione

Dopo aver sdoganato le sneaker da sera, la Carrie Bradshow nascosta in ogni donna se ne farà una ragione. E i piedi (la schiena forse un po’ meno) ringrazieranno.

Ringrazieranno l’arrivo di questa estate che certamente porta già una novità: belli, bellissimi i tacco 12, ma il 2018 è decisamente l’anno di ciabatte e scarpe basse.
Che stanno bene con tutto, dai vestiti ai pantaloni, e soprattutto in tante varianti che sono già di tendenza. Dal total pvc (sì esattamente quelle che una volta si usavano per scendere in spiaggia) ai pezzi gioiello che hanno semplicemente dimenticato le altezze vertiginose. Le prime, ad esempio, le propone Superga con effetto metallizzato, mentre per essere scintillanti ci pensano da Dior a Chiara Ferragni. Aperte, chiuse, eleganti, sportive: tutto consentito, l’importante è la suola rasoterra.
La moda per questa stagione le propone in pelle, con le frange, in seta e addirittura di peluche. Per una volta la tendenza è divertirsi (e sicuramente stare più comode).

Pitti Uomo entra nel vivo: sfilate, eventi e la presentazione della collezione Moncler 7 Fragment

Le novità della linea firmata dal produttore discografico, musicista e designer giapponese Hiroshi Fujiwara

È iniziata martedì, a Firenze, la nuova edizione del Pitti Uomo. Occhi fin da subito alle collezioni maschili Primavera Estate 2019, che hanno riempito la città di presentazioni, sfilate ed eventi di ogni genere di fronte al pubblico più vario, ma sempre elegante come da tradizione.

È infatti qui, a Firenze, che Remo Ruffini ha voluto presentare il nuovo capitolo del progetto Moncler Genius. La collezione Moncler 7 Fragment, firmata dal produttore discografico, musicista e designer giapponese Hiroshi Fujiwara è stata divisa in due parti: una da mettere sul mercato a giugno, l’altra a dicembre. Il primo lancio, quello attuale, è ricco di riferimenti musicali propri di Fujiwara: la parola Backstage, ad esempio, che domina un lungo soprabito ed è presente sul retro di altri capi della collezione, o gli sticker rimovibili con su la scritta Moncler Fragment. La collezione sarà disponibile dal 14 giugno in tutte le boutique Moncler e moncler.com.

Sei curvy? Il vestito lo paghi di più

Prezzi diversi a seconda della taglia. E sul noto brand è bufera

Una bufera in un vestito. Di taglia abbondante. A scatenarla è stata la segnalazione di una donna, che nel tentativo di acquistare un capo griffato New Look sul sito del brand si è accorta che il prezzo del prodotto, incredibilmente, variava in funzione della taglia prescelta: più caro in versione “curves”, quella destinata alle ragazze più formose, più economico in taglie standard.

La notizia, riportata e approfondita dal Daily Mail, secondo il quale il brand britannico farebbe pagare i propri abiti in media il 15% in più alle ragazze curvy, ha sollevato un polverone. Tanto da costringere New Look a correre ai ripari: lo shop online ha aggiornato in fretta e furia i prezzi dei prodotti, uniformandoli. La figuraccia resta però. E chissà che non incida sugli incassi futuri del brand.

Lo stile etnico che non passa mai di moda. E che quest’anno è un must

Stile etnico sulle passerelle di moda femminile e maschile

Frange, linee morbide, ricami e perline. Un po’ zingari un po’ indiani. Sia uomini che donne

L’etnico, si sa, deve piacere. Ma di certo non passa mai di moda. Tutti abbiamo nell’armadio un capo per quelle giornate in cui ci sentiamo molto meno ingessati.

Ma quest’anno, quello che spesso è uno stato d’animo, per la primavera/estate è un vero e proprio must. Sia per uomini che per donne, come hanno dimostrato le passerelle: da Valentino a Etro, passando per Chloè e Coach 1941 (che firmano i due outfit della foto di copertina).
Allora via libera a frange, perline, ricami, linee morbide (nei tessuti) e geometriche (nelle fantasie). Con uno stile un po’ zingaresco, ma che ricorda anche gli indiani d’America o le popolazioni maya e azteche. Tanti inserti non solo sugli abiti, ma anche su borse giacche e scarpe. Velature e seta, ma senza dimenticare il fascino del camoscio.

Turbante, a tesa larga o da simpatica canaglia (ma con veletta): la primavera mette il cappello

Il cappello estivo secondo Dior (foto Pinterest)

Un must have della stagione, estate compresa. Tanti modelli per tutte le teste

Chi pensa sia un accessorio solo per l’inverno, evidentemente non ha seguito le novità sulle passerelle per la primavera-estate 2018.

Tanti stilisti, con Dior e Chanel in prima linea, propongono infatti il cappello come accessorio anche per la stagione più calda. Sbarazzino modello simpatica canaglia ma ingentilito da una veletta (come quello nella foto, di Dior), oppure a tesa larga ma scuro, un po’ Tom Sawyer e un po’ mormone ma assolutamente chic.
Apprezzati anche i modelli più leggeri, a turbante, o semplici fasce arricchite però da strass e perline.
Intramontabile il fascino del foulard da diva anni Sessanta (proposto per esempio da Versace), ma le più temerarie possono lanciarsi sul modello stile cowboy.