Block devils, in un libro la storia e le emozioni di un triplete “SirReale”

La storica impresa, nelle pagine scritte dal giornalista Carlo Forciniti

PERUGIA – “SIRREALE – storia di un Triplete che ha stupito il mondo». Il titolo dice tutto, ma le pagine del libro scritto dal giornalista del Corriere dell’Umbria Carlo Forciniti – acquistabile sul sito della Sir Safety Conad Perugia e nell’Outlet della Sir Safety System, oltre che sul sito dalla casa editrice Calzetti & Mariucci, su Amazon e in libreria – hanno molto di più da raccontare. La genesi. Le tappe. Il successo. La storia di una stagione storica per la pallavolo perugina e non solo.

Supercoppa, Coppa Italia, Scudetto tutto raccolto in una pubblicazione piacevole, accattivante, piena di emozioni e di sentimenti, assolutamente coinvolgente. Una pubblicazione nata dall’intuizione e dalla penna raffinata di Carlo Forciniti, assidua e garbata presenza fissa al palazzetto quando in campo scendono i Block Devils, giornalista competente ed appassionato, uno di quelli capace di trasmettere emozioni direttamente dall’inchiostro.

C’è un momento preciso nel quale Carlo ha deciso di buttare giù appunti con l’idea che sarebbero diventati un libro. «Precisamente è stato dopo la vittoria in Coppa Italia – dice Forciniti – perché c’erano tutti i presupposti per rendere la stagione da straordinaria a memorabile». Poi la stesura delle prime bozze, in pieno playoff scudetto. Come si dice in questi casi, davvero un buon profeta. «È vero, ho iniziato a playoff cominciati, naturalmente con tutti i rischi del caso perché nello sport non c’è mai nulla di scontato e finchè non cade l’ultimo pallone non ci sono certezze. Però avevo la sensazione che potesse essere l’anno giusto».

«In realtà – sorride Forciniti – mi chiedevo spesso se non stessi facendo una cosa più grande di me visto che non avevo mai neanche solo provato a fare un qualcosa di simile. La presenza costante in tribuna stampa è stata fondamentale per la stesura del libro perché vivere sul posto certe sensazioni, assaporare il clima del palazzetto, guardare negli occhi i giocatori a caldo dopo una vittoria importante o dopo una sconfitta pesante sono tutti aspetti che, per chi deve raccontare quello che vede e le emozioni che sente, sono imprescindibili. A tal proposito mi preme ringraziare il Corriere dell’Umbria e tutta la redazione sportiva perché mi hanno dato e mi danno la possibilità ogni domenica di mettermi alla prova e di provare a suscitare emozioni in chi legge».

Ogni autore ha un pezzo del proprio libro a cui tiene particolarmente: «Il mio è quello dei festeggiamenti dello scudetto perché in quel momento vedi la gioia personale che diventa al tempo stesso collettiva. Tutti si ritrovano a vivere le stesse sensazioni ed è coinvolgente vedere la genuina emozione della gente, tra virgolette, comune». Sabato mattina, durante la presentazione del libro al salone d’onore di Palazzo Donini, il presidente Sirci ha ringraziato autore ed editore «per lo splendido lavoro fatto».

«È stato un grande piacere. Ho apprezzato tantissimo che il presidente e la società abbiano accettato e semplicemente preso atto di quello che scrivevo senza voler interferire nelle dinamiche del libro». Vero, Carlo ama molto il lavoro e molto poco l’autocelebrazione. Ma immortalare una stagione storica per lo sport di Perugia deve essere motivo di grande orgoglio. «È vero e sono molto felice di questo. Da appassionato di sport ho grande rispetto per le vittorie e per le sconfitte e credo che queste ultime siano state il carburante da cui poi è scaturita la consapevolezza di poter vincere ed il desiderio di volerlo davvero fare. Il libro in fondo è come se fosse venuto da sé come conseguenza di una stagione straordinaria, al di là di ogni aspettativa. Certamente sono orgoglioso di aver avuto la possibilità con questo libro di provare a fissare nella memoria dei tifosi e degli appassionati perugini un anno magico per lo sport cittadino».

Volley, tutti Sirmaniaci: parte la campagna abbonamenti di Sir Safety Conad Perugia

#diventiamoleggenda: posti e prezzi delle tessere stagionali al PalaBarton per vedere i Block Devils (e non perdersi un pallone di Leon)

PERUGIA – Con il motto-hashtag #diventiamoleggenda parte la campagna abbonamenti di Sir Safety Conad Perugia: da lunedì via alla possibilità di acquistare le tessere stagionali per non perdersi neanche un pallone dei ragazzi di Bernardi (e anche del nuovo campione Leon)

Dalle 12 di lunedì, infatti, con prelazione per i vecchi abbonati, sarà possibile acquistare l’abbonamento stagionale per gli incontri casalinghi dei Block Devils, chiamati a difendere il Triplete conquistato la passata stagione.
Due le formule ideate dalla società bianconera:

Abbonamento Total

L’abbonamento Total dà diritto a tutte le partite casalinghe stagionali della Sir Safety Conad Perugia di SuperLega compresi i playoff, i quarti di finale di Coppa Italia e tutta la Champions League compresi i playoff. Per un massimo di ventisette gare.

Abbonamento Regular Season

L’abbonamento Regular Season dà diritto alle tredici gare casalinghe di regular season della SuperLega, a tre partite di Champions League (le tre partite della fase a gironi) e ai quarti di finale di Coppa Italia. Per un totale quindi di diciassette gare. Nell’abbonamento non sono compresi gli eventuali Playoff di Champions League ed i Playoff Scudetto. L’abbonamento Regular Season non dà diritto a prelazione per i Playoff di Champions League ed i Playoff Scudetto.

Gli abbonamenti stagionali saranno in vendita nell’Outlet della Sir Safety System (Santa Maria degli Angeli, via dei Fornaciai 9) dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18.30 ed il sabato mattina dalle 9.30 alle 12.30, nei punti vendita vivaticket della provincia di Perugia abilitati all’acquisto e online direttamente dal sito www.vivaticket.it.

Vendita abbonamenti ridotti

Sarà possibile acquistare l’abbonamento ridotto, sia in prevendita che nella successiva vendita libera, unicamente all’Outlet della Sir Safety System presentando un documento del minore.
Prelazione vecchi abbonati 2017-2018. Dal 23 luglio fino al 19 agosto i vecchi abbonati della scorsa stagione godranno della prelazione per riconfermare il loro abbonamento presentando il vecchio al momento dell’acquisto con annesso documento di riconoscimento. Tali abbonamenti potranno essere acquistati nell’Outlet della Sir Safety System, nei punti vendita vivaticket della provincia di Perugia abilitati all’acquisto e online su www.vivaticket.it. Chi dei vecchi abbonati volesse riconfermare il proprio posto con l’abbonamento Total potrà farlo in tutti i punti vendita indicati. In caso invece volesse acquistare l’abbonamento Regular Season dovrà, per esigenze tecniche, recarsi unicamente all’Outlet della Sir Safety System.

Per esigenze particolari contattare la segreteria al numero 075/8043737. Si precisa che i posti numerati per gli abbonati 2017-2018 saranno tenuti fino a tutta la durata della prelazione, dopodiché messi in vendita liberamente. Per esigenze organizzative gli abbonamenti acquistati in prelazione potranno essere ritirati dietro comunicazione societaria entro la prima partita di campionato prevista il 14 ottobre.

Vendita libera. A partire da lunedì 20 agosto alle 15 sarà aperta la vendita libera delle tessere nell’Outlet della Sir Safety System, nei punti vendita vivaticket della provincia di Perugia abilitati all’acquisto e online su www.vivaticket.it.

Per esigenze organizzative gli abbonamenti acquistati in vendita libera acquistati on-line e nei punti vendita bookingshow abilitati potranno essere ritirati dietro comunicazione societaria entro la prima partita di campionato prevista il 14 ottobre.

I prezzi

Prezzi degli abbonamenti Total stagione 2018-2019. Di seguito tutti i prezzi delle tessere stagionali (suddivise in base al settore del PalaBarton e all’eventuale riduzione):

TRIBUNA VIP CENTRALE
Intero: € 1.003,00
Ridotto (4-14 anni): € 703,00

TRIBUNA VIP LATERALE
Intero: € 803,00
Ridotto (4-14 anni): 563,00

DISTINTI CENTRALI
Intero: € 658,00
Ridotto (4-14 anni): € 458,00

DISTINTI LATERALI
Intero: € 658,00
Ridotto (4-14 anni): € 458,00

CURVA BLOCK DEVILS
Intero: € 448,00
Ridotto (4-14 anni): € 313,00

GRADINATE II° ANELLO
Intero: € 448,00
Ridotto (4-14 anni): € 313,00

Prezzi degli abbonamenti Regular Season stagione 2018-2019. Di seguito tutti i prezzi delle tessere stagionali (suddivise in base al settore del PalaBarton ed all’eventuale riduzione):

TRIBUNA VIP CENTRALE
Intero: € 603,00
Ridotto (4-14 anni): € 423,00

TRIBUNA VIP LATERALE
Intero: € 478,00
Ridotto (4-14 anni): € 333,00

DISTINTI CENTRALI
Intero: € 408,00
Ridotto (4-14 anni): € 283,00

DISTINTI LATERALI
Intero: € 408,00
Ridotto (4-14 anni): € 283,00

CURVA BLOCK DEVILS
Intero: € 238,00
Ridotto (4-14 anni): € 168,00

GRADINATE II° ANELLO
Intero: € 238,00
Ridotto (4-14 anni): € 168,00

Prezzi degli biglietti stagione 2018-2019. Di seguito tutti i prezzi che saranno in vigore per ogni singola partita (suddivisi in base al settore del PalaBarton ed all’eventuale riduzione):

TRIBUNA VIP CENTRALE
Intero: € 40,00
Ridotto (4-14 anni): € 28,00

TRIBUNA VIP LATERALE
Intero: € 35,00
Ridotto (4-14 anni): € 24,00

DISTINTI CENTRALI
Intero: € 30,00
Ridotto (4-14 anni): € 20,00

DISTINTI LATERALI
Intero: € 30,00
Ridotto (4-14 anni): € 20,00

CURVA BLOCK DEVILS
Intero: € 18,00
Ridotto (4-14 anni): € 12,00

GRADINATE II° ANELLO
Intero: € 18,00
Ridotto (4-14 anni): € 12,00

Si precisa che i prezzi dei biglietti delle singole partite potranno subire variazioni in base a eventuali esigenze o per partite di cartello a discrezione della società.

Si comunica infine che i bambini da 0 a 4 anni (non compiuti) usufruiranno dell’ingresso gratuito, ma non avranno diritto al posto a sedere in nessuno dei settori del PalaBarton. Per assicurare il posto a sedere si potrà naturalmente usufruire della riduzione 4-14 anni.

«Ecco come si sostiene una squadra di pallavolo: facendo rete». Il successo del progetto Netbreak

«Un’esperienza da ripetere»

PERUGIA – “Netbreak” ha fatto rete. Il progetto, nato da un’idea di Carlo Ortolani di ‘8.6 marketing’ insieme all’agenzia di comunicazione ‘Iktome’, ha saputo rompere il tradizionale concetto di sponsorizzazione andando a costruire una community di imprenditori a sostegno della Bartoccini Gioiellerie Perugia, squadra della serie A2 femminile.

E proprio per celebrare questo successo, in parte inaspettato, gli imprenditori si sono ritrovati a San Vetturino (Perugia), nella splendida location di Villa Buitoni, per l’ultimo ‘match tra imprenditori’ della stagione 2017/2018. Circa 80 quelli presenti, tutti entusiasti e desiderosi di ripetere l’esperienza anche nella prossima stagione agonistica quando la squadra del presidente Antonio Bartoccini affronterà un nuovo campionato non più solo con l’obiettivo di mantenere la serie quanto piuttosto di macinare posizioni in classifica.

Per questo il mercato acquisti si è già attivato portando a casa un colpo dietro l’altro che ha permesso di comporre, ad oggi, otto undicesimi della squadra. A ripercorrere insieme i momenti salienti della passata stagione c’erano, ospiti del padrone di casa Gianni Marcantonini, titolare di Villa Buitoni e parrucchiere di fama internazionale, il già citato Bartoccini e lo staff tecnico della formazione perugina compreso il coach delle magliette nere Fabio Bovari.

«Sono soddisfatto di questo percorso fatto insieme – ha dichiarato Bartoccini – perché ho assistito alla nascita di una squadra di imprenditori che ha accompagnato la squadra di pallavolo. L’obiettivo quindi è stato raggiunto ma non ci fermiamo qui. Vogliamo far crescere ancora di più questa rete di imprenditori. Già sono nati i primi business».

«Sono contentissimo per come è andata – ha concluso Ortolani –. Si tratta di un format nuovo nel mondo dello sport ma già sperimentato per tre anni in quello della moda. Le aziende si sono ‘matchate’ e sono nati rapporti commerciali importanti. Adesso siamo pronti a tuffarci nella stagione 2018/19 sempre accanto alla Bartoccini Gioiellerie Perugia».

Sport, la Pallavolo Narni conquista la serie C

Mercoledì la squadra sarà ricevuta in Provincia dal presidente Lattanzi

NARNI (Terni) – La Pallavolo Narni è in serie C. Vincendo i play off del campionato di serie D ha conquistato una meritata promozione. La formazione allenata da coach Lucia Corazza, sarà ricevuta mercoledì 13 giugno in Provincia dal presidente, Giampiero Lattanzi , e dall’assessore allo sport del Comune di Narni, Lorenzo Lucarelli e presentata ai giornalisti

Volley, Sir: arriva Leon! La presentazione sabato

Nel pomeriggio presentazione ufficiale e conferenza stampa, nei giorni successivi in programma visite mediche e questioni logistiche

PERUGIA – Arriva Leon. Comincia il countdown per il giorno tanto atteso dai Sirmaniaci e dai tifosi bianconeri! Il fenomeno cubano è in procinto di sbarcare a Perugia. Il prossimo fine settimana è quello da segnare con il circoletto rosso. Il ventiquattrenne schiacciatore nativo di Santiago de Cuba, nuovo acquisto del presidente Sirci, arriverà nella mattinata di sabato 9 giugno direttamente dalla Polonia e già nel pomeriggio, con la presentazione ufficiale e la conferenza stampa, potrà gustarsi il primo grande abbraccio del tifo bianconero.

L’appuntamento è al centro commerciale Quasar di Ellera di Corciano alle ore 17:00 circa con Leon che sarà a disposizione degli organi di informazione per le sue prime parole ufficiali da giocatore di Perugia e successivamente a disposizione del popolo bianconero, chiamato a per far sentire tutto il calore e tutto l’entusiasmo della Perugia della pallavolo, per autografi e per gli immancabili selfie. Leon poi si tratterrà in città ancora qualche giorno per il consueto iter delle visite mediche, curate dallo staff medico bianconero, e per verificare sul posto le varie questioni logistiche della sua avventura perugina.

C’è già grande attesa per il primo appuntamento ufficiale dell’asso cubano-polacco. Un atleta di qualità e di spessore tecnico e fisico elevatissimi che va a dare ulteriore forza ad un organico già ben strutturato e che saprà certamente diventare un altro idolo della curva dei Sirmaniaci e di tutto il PalaEvangelisti. La società intanto, con il presidente Sirci in testa, è al lavoro per completare la rosa da mettere a disposizione di Lorenzo Bernardi. I prossimi giorni saranno molto importanti in tal senso per condurre in porto alcune trattative intraprese. In attesa ovviamente di sabato prossimo e dell’arrivo di Leon, il colpo sicuramente a sensazione del mercato estivo a livello internazionale. E che dimostra che la Sir Safety Conad Perugia (da venerdì 8 giugno a proposito, via alle tre feste per il triplete, una per ogni weekend) vuole continuare ad essere grande protagonista!

Volley, Sir Conad: Bernardi firma per 2 anni. E ha già le idee chiare su Leon

Lorenzo Bernardi e lo scudetto con la Sir (foto Settonce, ©RIPRODUZIONE RISERVATA)

Perugia, il tecnico dello storico Triplete: «Ecco cosa dirò alla prima riunione della squadra»

PERUGIA – Lorenzo Bernardi, il tecnico dello storico Triplete, rinnova con la Sir Safety Conad Perugia e sarà ancora lui il timoniere dei Block Devils.

Accordo biennale raggiunto dalla società del presidente Sirci con “Mister Secolo”, l’uomo dei primi trofei, l’uomo che con il suo carisma e con le sue indiscusse capacità tecniche ha saputo portare Perugia lassù dove finora mai era arrivata.
Il lavoro, il tantissimo lavoro svolto quotidianamente in palestra dal primo all’ultimo giorno, ed i grandi risultati ottenuti sul campo con la vittoria in Supercoppa Italiana, Coppa Italia e Scudetto non avevano lasciato dubbi in merito alla conferma di Bernardi capace di farsi apprezzare da tutto il popolo perugino che lo ha adottato subito fin dal giorno del suo arrivo in città e con il quale ha stretto un rapporto passionale.
Grande soddisfazione del presidente Sirci e di tutta la società bianconera per l’accordo raggiunto che va anche a dare continuità all’ultimo anno e mezzo e che è forte segnale di voler proseguire in una linea tecnica ben definita.

È raggiante anche Lorenzo Bernardi e non lo nasconde: «Sono molto contento, sono felice, sono orgoglioso di allenare ancora qui a Perugia. Mi sono trovato sempre benissimo, da quando sono arrivato abbiamo iniziato un lavoro che con il tempo necessario ci ha portato a raggiungere grandi risultati. Ma sono convinto che abbiamo ancora strada da fare e margini di crescita e quindi felice di poter proseguire in questo percorso e nel progetto della società. Ci saranno dei cambiamenti come è inevitabile che sia. Difficile migliorare la passata stagione? L’anno scorso è stato incredibile, ma quei risultati devono esserci da stimolo per la prossima stagione».

Questo Lorenzo Bernardi che poi spazia toccando altri argomenti. «Cosa dirò alla prima riunione della prossima stagione? Le grandi vittorie vanno festeggiate e celebrate, è giusto e doveroso. Poi diventano storia, una bella storia sicuramente, la storia di questo club. Ma ad agosto quando riprenderemo si guarderà al domani, non si vive di storia.
La squadra? Abbiamo un’ossatura, una base importante. Poi naturalmente ci saranno alcuni nuovi interpreti. Sul mercato abbiamo idee ed obiettivi molto chiari e siamo in ottime mani con il presidente e con i dirigenti che se ne occupano. Naturalmente sono tutte situazioni che richiedono tempo e contrattazioni. Poi, una volta ultimata la rosa, spetterà a me ed al mio staff lavorare per ricercare e creare, come lo scorso anno, stabilità ed equilibri, i migliori possibili in base alle caratteristiche dei giocatori. E poi dovremo costruire la “squadra”, perché le soddisfazioni si raggiungono solo di squadra.
Se sono contento di allenare Leon? Beh, onestamente la risposta è piuttosto scontata. Come giocatore lo conosco bene e da tempo, parlandoci ho avuto impressione di avere a che fare anche con una persona molto buona. Bisogna dire che il presidente è stato eccezionale a portarlo in Italia, una cosa che nessuno pensava fosse possibile. Le caratteristiche di Leon le hanno in pochissimi, la sua capacità, al di là delle grandi qualità tecniche, di spostare gli equilibri nei momenti topici delle partite è la sua grande forza».

«Ci sono emozioni che valgono ogni goccia di sudore…». La commovente lettera di Ivan Zaytsev a Perugia

Ivan Zaytsev

Le parole dello Zar affidate a Instagram: «Grazie Perugia, grazie terra mia. Sei stata una coperta calda, un posto sicuro e…»

di Ivan Zaytsev

PERUGIA – Ci sono storie ed emozioni grandi, momenti di pura gioia che valgono ogni goccia di sudore, che ti fanno superare ogni dolore e stanchezza mentale. Come questo scudetto: mio, nostro, di tutti quelli che ci hanno creduto. Sempre! Questo scudetto è una storia d’amore a lieto fine che niente e nessuno potrà rovinare. Questa storia non termina qui perché noi che l’abbiamo vissuta la portiamo dentro e l’affetto che abbiamo costruito e ci siamo regalati rimarrà per sempre.

Non si cancella questa incredibile vittoria e 2 stagioni piene di soddisfazioni e duro lavoro. Non si cancella la mia gioia di essere tornato finalmente a casa quando ne avevo più bisogno. Grazie a tutti ma davvero tutti: la società e i miei compagni di viaggio per avermi aiutato ed essersi fidati di me. Vi voglio bene ragazzi. Grazie a voi tifosi di Perugia, per l’enorme affetto e il sostegno che mi avete dato anche quando certe situazioni o polemiche mi hanno tirato giù voi siete rimasti al mio fianco.

Ma il ringraziamento più importante, è per te, Lollo. È stato un onore essere allenato da te, mi hai capito, mi hai guidato, mi hai ascoltato e mi hai domato. Sono orgoglioso, determinato e spesso testardo, tu hai fatto di me quello che non pensavo sarei mai riuscito ad essere. Sei stato il più grande e ora lo sei ancora di più! Grazie Perugia, grazie terra mia. Sei stata una coperta calda, un posto sicuro e una mamma esigente. Ho cresciuto qui Sasha ed è nata qui la piccola Sienna: avranno sempre dentro un pezzo di questa terra.

Ho detto tutto quello che dovevo dire e ho dato con ogni fibra del mio corpo, tutto ciò che potevo dare in ogni allenamento, ogni gara e ogni istante che ho vestito la maglia numero 9 in questa squadra di campioni. Un nuovo viaggio mi aspetta ma vado via sereno del riflesso che vedo nello specchio, leale a me stesso e ai miei principi. Quelli o si hanno o non si possono comprare a nessuna cifra, in nessuna vita. Orgoglioso del rapporto che ho costruito con ognuno di voi. INSIEME abbiamo fatto la storia di questa città! Io per voi sarò sempre Ivan. Anche ora in cui comincerò a sudare altrove con sempre nuovi sogni e nuovi traguardi. Ora che inizia una nuova avventura…

Ci sono storie ed emozioni grandi, momenti di pura gioia che valgono ogni goccia di sudore, che ti fanno superare ogni dolore e stanchezza mentale. Come questo scudetto: mio, nostro, di tutti quelli che ci hanno creduto. Sempre! Questo scudetto è una storia d’amore a lieto fine che niente e nessuno potrà rovinare. Questa storia non termina qui perché noi che l’abbiamo vissuta la portiamo dentro e l’affetto che abbiamo costruito e ci siamo regalati rimarrà per sempre. Non si cancella questa incredibile vittoria e 2 stagioni piene di soddisfazioni e duro lavoro. Non si cancella la mia gioia di essere tornato finalmente a casa quando ne avevo più bisogno. Grazie a tutti ma davvero tutti: la società e i miei compagni di viaggio per avermi aiutato ed essersi fidati di me. Vi voglio bene ragazzi. Grazie a voi tifosi di Perugia, per l’enorme affetto e il sostegno che mi avete dato anche quando certe situazioni o polemiche mi hanno tirato giù voi siete rimasti al mio fianco. Ma il ringraziamento più importante, è per te, Lollo. È stato un onore essere allenato da te, mi hai capito, mi hai guidato, mi hai ascoltato e mi hai domato. Sono orgoglioso, determinato e spesso testardo, tu hai fatto di me quello che non pensavo sarei mai riuscito ad essere. Sei stato il più grande e ora lo sei ancora di più! Grazie Perugia, grazie terra mia. Sei stata una coperta calda, un posto sicuro e una mamma esigente. Ho cresciuto qui Sasha ed è nata qui la piccola Sienna: avranno sempre dentro un pezzo di questa terra. Ho detto tutto quello che dovevo dire e ho dato con ogni fibra del mio corpo, tutto ciò che potevo dare in ogni allenamento, ogni gara e ogni istante che ho vestito la maglia numero 9 in questa squadra di campioni. Un nuovo viaggio mi aspetta ma vado via sereno del riflesso che vedo nello specchio, leale a me stesso e ai miei principi. Quelli o si hanno o non si possono comprare a nessuna cifra, in nessuna vita. Orgoglioso del rapporto che ho costruito con ognuno di voi. INSIEME abbiamo fatto la storia di questa città! Io per voi sarò sempre Ivan. Anche ora in cui comincerò a sudare altrove con sempre nuovi sogni e nuovi traguardi. Ora che inizia una nuova avventura…

A post shared by Ivan Zaytsev (@zaytsev_official) on

Volley, Sir da brivido: dopo il triplete ecco il podio in Champions league

Perugia batte Zaksa nello spareggio per il terzo posto e chiude una stagione incredibile. «Questo gruppo non lo dimenticheremo mai»

(riceviamo e pubblichiamo)

di Sir Safety Perugia

KAZAN (RUS) – Era giusto così! Non ce ne vogliano Andrea Gardini ed il suo Zaksa, autori tra l’altro di una prestazione di ottimo livello, ma per i Block Devils la degna conclusione di una stagione irripetibile, con il “triplete” Supecoppa-Coppa Italia-Scudetto, non poteva che essere questa!

La Sir Colussi Sicoma Perugia sconfigge al tie break i polacchi del Kedzierziyn-Kozle nella finale per il terzo posto della Champions League, chiude la propria stagione con l’ennesima vittoria e conquista un bronzo europeo che, sommato ai tre ori italiani, porta a quattro il numero delle medaglie di un anno che definire storico e meraviglioso è quasi riduttivo.

Il match di oggi pomeriggio alla Basket Hall di Kazan (quasi quattromila gli spettatori presenti) ha ancora una volta portato in luce il carattere e la voglia di vincere di questa fantastica squadra e del proprio allenatore. La giornata da un punto di vista tecnico non era certamente quella della miglior Perugia, ma il cuore di questo gruppo ha saputo ancora capovolgere tutto fino alla festa finale dei ragazzi in campo e dei quaranta Sirmaniaci sugli spalti.

Si potrebbe parlare dei 24 punti di Atanasijevic, dei 5 muri vincenti di un super Anzani, di Podrascanin, Russell, Zaytsev e di un Colaci ancora una volta decisivo in seconda linea. E poi di Berger, Shaw, Ricci e tutti gli altri. E di Bernardi condottiero fiero e trascinante, e del suo staff. Si potrebbe parlare anche delle due ore e passa di partita.

Si potrebbe… ma oggi che cala il sipario sull’anno sportivo dei nostri ragazzi (e, visto come sono andate le cose, è un peccato davvero che sia proprio finita) il pensiero va a tutte le emozioni che custodiremo gelosamente nel nostro cuore, a tutte le volte che abbiamo esultato per un punto dei nostri campioni, a tutte le palpitazioni nelle finali disputate, a tutti i sorrisi, gli abbracci ed i baci che si siamo scambiati dopo aver sollevato uno dei nostri tre trofei. Oggi il pensiero va alla società nessuno escluso, al nostro unico presidente Gino Sirci (che una decina di anni fa, in serie B, aveva già previsto tutto). E poi il nostro pensiero va a Cisco, Bino, Goran e tutto lo staff che ogni giorno ed ogni ora è stato a fianco della squadra. Ognuno ha portato il suo mattoncino, ognuno si merita un grazie grande così.

Domani si torna a casa, poi il quasi immediato “rompete le righe” perché l’estate internazionale già incombe e molti dei nostri ragazzi devono andare a difendere i colori della propria nazione.

Ci sarà l’estate, il mercato, alcuni giocatori arriveranno ed altri giocoforza se ne andranno.

Ma noi, tutti noi, questo gruppo non ce lo dimenticheremo mai!

«E chi se la dimentica più la serata di ieri? Ai Sirmaniaci diciamo GRAZIE!»

L’emozionante commento della Sir Safety Conad dopo la vittoria dello scudetto che vale uno storico triplete. Il pensiero a Siro

(riceviamo e pubblichiamo)
di Sir Safety Conad Perugia

PERUGIA – E chi se la dimentica più la serata di ieri? E chi se lo scorda quell’ultimo attacco dello Zar? E quanto tempo ci vorrà per far scemare l’emozione e tutto l’uragano di sentimenti provati dentro la nostra seconda casa, cioè il PalaEvangelisti?

Quesiti che oggi ci ronzano per la testa con uno storico triplete in tasca fatto di Supercoppa, Coppa Italia e Scudetto, i primi trofei della storia della società (solo due piazze storiche della pallavolo italiana come Modena e Treviso sono riuscite a fare altrettanto in una sola stagione).
La lunga rincorsa del presidente Sirci e di tutta la società bianconera, passo dopo passo, è arrivata finalmente a quel tanto sognato, tanto bramato, tanto desiderato Tricolore!

Ieri sera è stato il momento della grande festa (andata avanti per tutta la notte), domani si torna in palestra perché nello sport non si finisce mai, c’è sempre una nuova sfida da affrontare e questa, per Perugia, si chiama Final Four di Champions League.
Ma oggi è il giorno giusto, oltre che per riprendersi dalle tante emozioni, anche per assaporare con calma la grande impresa di Lorenzo Bernardi e dei Block Devils!
Si perché questa è una grande impresa! Costruita mattone dopo mattone, partita dopo partita, set dopo set. Costruita dal 16 agosto, data del raduno estivo, ogni singolo allenamento al PalaEvangelisti. Costruita con Bernardi ed il suo staff capaci di rendere consapevole questo gruppo della propria forza. Costruita da questo gruppo di atleti, eccellenti atleti, ma soprattutto atleti di cuore.

La vittoria in Supercoppa ci ha fatto capire che la squadra era pronta per competere con chiunque. La vittoria in Coppa Italia, arrivata in un momento di grande condizione psicofisica, ci ha messo prepotentemente nel ruolo, a volte scomodo, di favoriti per il proseguo della stagione. Questi playoff e questo meraviglioso scudetto che il prossimo anno ci cuciremo sul petto rappresentano una sorta di consacrazione per la squadra e testimoniano (visto l’andamento, anche questo “storico”, con tutte vittorie in casa e tutte sconfitte fuori casa) che questa è anche la vittoria del PalaEvangelisti, dei Sirmaniaci e di tutta la pallavolo perugina.

E allora oggi, osannati i nostri campioni e fatto un mega applauso a tutta la società, questo scudetto e questo triplete sono per tutti i nostri tifosi! Tifosi eccezionali, trascinanti, innamorati di questa squadra, sempre vicini ai loro ragazzi, capaci di trasformarli quando scendono in campo al PalaEvangelisti. Per i Sirmaniaci le parole sono finite da un pezzo, per il loro calore e la loro passione non abbiamo più aggettivi. La parola giusta, rigorosamente in maiuscolo, è GRAZIE!

L’ultimo pensiero, ma è il primo che tutti noi abbiamo avuto ieri sera dopo l’attacco dello Zar, va lassù, dove tutti quanti abbiamo lanciato lo sguardo sicuri che da qualche parte stesse facendo festa con noi.
Siro, l’abbiamo fatta davvero grossa!

 

Volley, Perugia sul tetto d’Italia. «Una macchina perfetta»

Le congratulazioni dell’amministrazione comunale

di Comune di Perugia
(riceviamo e pubblichiamo)

PERUGIA – Grazie al successo conquistato al pala Evangelisti contro Civitanova in gara 5 della finale scudetto, la Sir Safety Conad Perugia si è laureata per la prima volta nella sua storia campione d’Italia del volley.

Per i ragazzi di coach Bernardi e del presidente Gino Sirci si tratta del terzo trofeo stagionale dopo quelli della Supercoppa e della Coppa Italia. Un cammino straordinario che conferma la società perugina ai vertici della pallavolo italiana ed internazionale. Al termine del vittorioso incontro con i marchigiani è grande la soddisfazione espressa dall’Amministrazione comunale di Perugia per l’impresa compiuta dai neo campioni d’Italia.

«Vogliamo rivolgere un grande applauso a tutto lo staff della Sir Safety Conad, alla società, al presidente Sirci, al coach Bernardi ed a tutti i giocatori per questa storica impresa che mancava a Perugia da tempo e che riporta la nostra città ai vertici della pallavolo nazionale. Questa vittoria, largamente meritata, è motivo di grande orgoglio per tutta la città ed è frutto dello straordinario impegno di un gruppo eccezionale e dell’attenta programmazione di una società che ha saputo negli anni costruire una macchina perfetta. Da ultimo, ma non per ultimo, un plauso va rivolto a tutti quegli incredibili tifosi che sia oggi che nel corso del campionato hanno sostenuto a gran voce la squadra, dimostrandosi un vero e proprio settimo uomo in campo. Sicuramente i tifosi perugini, tra i più corretti ed appassionati d’Italia, hanno confermato oggi per l’ennesima volta di aver meritato insieme ai propri idoli il titolo di campioni d’Italia».