Advertisement

L’autofficina è coompletamente abusiva. E scatta la maximulta

12 Marzo 2020

Sanzioni da centinaia di euro anche per i clienti. Succede nel Cannarese

CANNARA (Perugia) – I carabinieri di Assisi, in sinergia con quelli forestali della stessa città, hanno scoperto, nel Cannarese, un’autofficina «completamente abusiva», riferiscono, il cui titolare è stato prima denunciato, poi sanzionato con una multa da 20.700 euro, per abbandono incontrollato di rifiuti («Pericolosi e non») e per mancanza di certificazione Scia.

Advertisement

L’uomo, un 36enne, su un’area di circa 500 metri quadri avrebbe «organizzato una vera e propria autofficina, ma dal controllo l’attività è risultata completamente sprovvista di qualsiasi autorizzazione e iscrizione al pubblico esercizio delle imprese». Sempre i militari, in quella stessa zona, hanno trovato numerose attrezzature e macchinari per la conduzione di un’autofficina, numerosi veicoli all’interno ed all’esterno del capannone, in attesa di riparazione, nonché diversi pneumatici, dischi e pasticche dei freni ed oli esausti accantonati in più punti.

Il lavoro svolto in quei locali, avrebbe consentito all’uomo di realizzare «un buon volume d’affari: erano infatti presenti oltre 10 veicoli in riparazione». L’intero fabbricato, comprendente le attrezzature utilizzate per l’attività di autoriparazione, tutti i veicoli presenti e tutta l’area, è stato sottoposto a sequestro con l’apposizione dei sigilli. Anche ai proprietari dei veicoli presenti per la riparazione è stata contestata una violazione amministrativa di euro 205,00 in virtù di una legge regionale.

Advertisement