Advertisement

Cinque nuove tv per la “Casa dell’Amicizia”: il dono dei volontari

5 Febbraio 2020

Merito dell’associazione “Mai soli”, presidente Martorelli: «Sentiamo di appartenere a questa struttura»

PERUGIA – Cinque televisori per la Rsa Casa dell’Amicizia A. Seppilli di Perugia. Una donazione, consegnata il 5 febbraio, che arriva dall’associazione “Mai Soli”, nata proprio all’interno della struttura della Usl Umbria 1 e che dal 2016 ha come obiettivo principale l’assistenza e la cura delle persone in coma e stato vegetativo permanente.

Advertisement

Alla cerimonia di consegna erano presenti il commissario straordinario della Usl Umbria 1 Silvio Pasqui, la responsabile della Rsa Ilaria Vescarelli, la presidente dell’associazione “Mai Soli” Marina Martorelli, la vicepresidente Maria Teresa Frenguellotti e il direttore sportivo dell’Ac Perugia Calcio Marcello Pizzimenti.

«Il volontariato – ha detto il commissario Pasqui – è una realtà importante per la nostra azienda perché ci permette di avere uno standard qualitativo di assistenza di alto livello presentandoci le istanze dei cittadini e permettendoci di avere un quadro chiarissimo circa la qualità percepita. Ringraziamo l’associazione Mai Soli per la donazione e siamo certi che continueremo ad avere con loro una collaborazione fattiva sotto ogni aspetto».

«Oltre agli aspetti lavorativi – ha continuato la responsabile della Rsa Seppilli Ilaria Vescarelli – con i membri dell’associazione Mai Soli è nata nel tempo una bellissima amicizia. Vogliamo costruire insieme un progetto per migliorare ancora di più l’assistenza per la minima coscienza».

La presidente dell’Associazione Marina Martorelli ha ripercorso le tappe che hanno portato alla creazione di “Mai Soli”, nata dall’unione di persone che hanno vissuto con i propri cari l’esperienza del coma e dello stato vegetativo. «Sentiamo di appartenere a questa struttura che per lungo tempo è stata la nostra seconda casa e vogliamo fare in modo che sia sempre più accogliente per i pazienti e per le loro famiglie».

«Questa – ha concluso Maria Teresa Frenguellotti, vicepresidente di “Mai Soli” – è la prima donazione ma siamo intenzionati a farne molte altre e a far fronte a tutti i bisogni degli assistiti, delle loro famiglie e del personale».

Advertisement