Advertisement

Vandali a Ponte san Giovanni «Basta, non se ne può più»

15 Dicembre 2019

I messaggi di solidarietà a cittadini, associazioni e a Paolo Ballarani, autore della Natività esposta a tra via Manzoni e via Castellini

di Gino Goti

PERUGIA – Numerosi i messaggi di solidarietà e di suggerimenti giunti da artisti e cittadini alla Pro Ponte e a Paolo Ballerani per l’atto vandalico nei confronti della Natività esposta sull’area verde tra via Manzoni e via Cestellini a Ponte San Giovanni.

Advertisement

Uno dei messaggi, regolarmente firmati, suggerisce: «Non si possono mettere piccole telecamere nascoste che registrino i movimenti in alcuni punti da proteggere? Non se ne può più: vandalismo o intolleranza religiosa, c’è di tutto, ma a volte anche il tentativo di far ricadere la colpa su altri….ieri a Montegrillo tranciate gomme alle macchine in sosta durante la notte. Penso che molte volte siano ragazzi sotto effetto della droga e si divertono così…la polizia non gira, perché sono 4 in tutto, così siamo in ballo di scapestrati e incoscienti…una saluto I.M.».

Non è la prima volta che a Ponte San Giovanni sono prese di mira le Natività esposte sulle rotonde della viabilità del paese. Un’offesa alla religione, un dispetto nei confronti dei laboriosi e creativi artigiani artisti della Pro Ponte che dedicano il proprio tempo libero alle attività dell’associazione presieduta da Antonello Palmerini. Un’offesa e un affronto alla civile popolazione di Ponte San Giovanni esasperata da questi e altri atti di vandalismo che colpiscono l’arte, i muri, le strade,le facciate delle case dove veri e propri “cretini” si divertono a imbrattare o a inviare messaggi di vario genere e di contenuti che sarebbero più graditi se detti o suggeriti in confidenza. Ma è difficile far capire certe cose a gente incivile e degna di vivere solo nei deserti e nelle foreste, dove però, in quest’ultimo caso si potrebbero accanire contro la flora, ma potrebbero imbattersi anche nella fauna, possibilmente forse, se non altro per scappare in una affannosa gimkana tra i tronchi degli alberi.

Per tornare alle natività, speriamo che tutte le altre sistemate sulle rotonde della viabilità ponteggiana offerte da artisti o prodotte nella sede della Pro Ponte siano lasciare intatte a salutare ponteggiani e turisti in queste giornate di festa

Advertisement
Advertisement