Advertisement

A Chiara Lungarotti il premio “Donne per il made in Italy”: i complimenti di Confagricoltura

11 Dicembre 2019

«Le realtà agricole dell’Umbria meritano di essere valorizzate»: il commento del presidente, Fabio Rossi

TORGIANO (Perugia) – A Chiara Lungarotti i complimenti di Confagricoltura Umbria per l’assegnazione del premio “Donne per il made in Italy”, ieri mattina a Roma al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. «Siamo felici e orgogliosi del premio a Chiara Lungarotti – ha detto Fabio Rossi, presidente di Confagricoltura Umbria – perché è il meritato riconoscimento della capacità delle cantine Lungarotti di innovarsi sia nell’ambito tecnologico che in quello dei servizi. L’agricoltura nella nostra regione è fatta da importanti realtà come questa che meritano di essere valorizzate».

Advertisement

Il riconoscimento all’ad del Gruppo Lungarotti è stato conferito nel corso di un convegno targato Io sto con il Made in Italy, iniziativa avviata dal massmediologo Klaus Davi e sostenuto da istituzioni e Pmi italiane. Chiara Lungarotti, è l’unica ‘donna del vino’ tra le 7 premiate che si sono distinte – citano le motivazioni – «per la capacità di innovare e contribuire in maniera significativa alla crescita dell’economia italiana». Per l’imprenditrice umbra, il vino è il core business di un gruppo che oltre a una produzione di alta qualità di circa 2,5milioni di bottiglie l’anno esportate in 50 Paesi, è attivo nei settori dell’enoturismo con l’Agriturismo Poggio alle Vigne (10 appartamenti autonomi e 2 case indipendenti con piscina, tra i vigneti del Rubesco) e della cultura con il Museo del vino di Torgiano (Muvit) e il Museo dell’olivo e dell’olio (Moo).

All’evento, che ha visto anche un focus sul sistema nazionale dei consorzi di tutela, sono intervenuti tra gli altri il ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova; il presidente della commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Filippo Gallinella; il sottosegretario al Mipaaf, Giuseppe L’Abbate; la dirigente ufficio Agroalimentare di Ice Agenzia, Anna Flavia Pascarelli.

Advertisement
Advertisement