Merito anche di «una offerta formativa forte, tecnologicamente avanzata, personalizzata e con una forte connotazione inclusiva»: la soddisfazione della dirigente scolastica

GUBBIO (Perugia) – I dati del progetto Eduscopio promosso dalla Fondazione Agnelli, teso a valutare gli esiti successivi della formazione secondaria – risultati universitari e lavorativi dei diplomati – e che mette a confronto oltre 7000 scuole in tutta Italia, sono stati resi noti nei giorni scorsi. I criteri utilizzati per valutare le scuole sono, per quanto riguarda i Licei, gli esiti universitari (media dei voti, crediti formativi, equiparazione dei diversi corsi di laurea), la percentuale dei diplomati, in regola e senza bocciature, e il livello di inclusività della scuola. Ottimi i risultati ottenuti dal Polo Liceale “G.Mazzatinti”.

Il Liceo Classico e il Liceo delle Scienze Umane confermano la prima posizione nella graduatoria tra i licei classici dell’Alta Umbria. In termini assoluti il Liceo Classico “G.Mazzatinti” risulta, peraltro, al terzo posto assoluto appena dietro al “Properzio” di Assisi e al “Pontano Sansi” di Spoleto e il Liceo delle Scienze Umane risulta al secondo posto appena dietro all’omologo spoletino. Aggregando i dati di tutti gli indirizzi del Polo Liceale Mazzatinti (Artistico, Classico, Scientifico, Scienze Umane e Sportivo) si registra un andamento nel complesso positivo: in termini assoluti il polo liceale nel suo insieme risulta al primo posto assoluto nella zona interna Alta Umbria e terzo a livello regionale, preceduto soltanto dalle istituzioni scolastiche di Assisi e Spoleto.

«Il dato di Eduscopio conferma, se mai ce ne fosse bisogno, il livello di alta qualità del polo liceale, che comprende ben cinque indirizzi – dice soddisfatta la dirigente Marinangeli – abbiamo un’ ampia gamma di scelta, per gli studenti del territorio dell’alta Umbria. Scelta che può coinvolgere anche le regioni limitrofe e penso ai nostri studenti del versante marchigiano».

«La nostra è una offerta formativa forte, tecnologicamente avanzata, personalizzata e con una forte connotazione inclusiva – aggiunge la dirigente -. I nostri docenti, e il personale Ata tutto, ai quali va il mio personale ringraziamento per il lavoro quotidiano che svolgono, sanno costruire coi ragazzi dei percorsi e delle progettualità di grande valore pedagogico centrati sulle potenzialità di ogni nostro studente e attenti ai risultati in uscita».

«La scelta liceale del “Mazzatinti”, rimane una scelta di indubbio valore culturale, che coniuga il sapere con il saper fare, la tradizione con l’innovazione tecnologica. Una scuola davvero per tutti, una scuola del futuro già presente».