E 20 aziende – da San Giustino a Orvieto, passando per Perugia – aprono le porte a 700 studenti

UMBRIA – Più di 700 studenti hanno partecipato con entusiasmo e curiosità alla decima edizione del Pmi Day, la Giornata nazionale delle piccole e medie imprese promossa da Piccola Industria Confindustria in collaborazione con le Associazioni territoriali del sistema Confindustria. Venti le aziende umbre che dalla mattina di venerdì 15 novembre hanno aperto le porte dei propri stabilimenti agli alunni delle scuole medie e superiori del territorio, invitandoli a scoprire il lavoro e la passione della vita in fabbrica.

Le imprese associate a Confindustria Umbria che hanno aderito all’iniziativa sono: Art (Passignano sul Trasimeno), Brunello Cucinelli (Solomeo), Cardinalini (Montecastrilli), Cartotecnica Tifernate (Città di Castello), Ciam (Petrignano di Assisi), Comear (Foligno), Elcom System (Pantalla di Todi), Fabiana Filippi (Giano dell’Umbria), Giardini (Castiglione del Lago), Icat (Fossato di Vico), Kemon (San Giustino), Lungarotti (Torgiano), Meccanotecnica Umbra (Campello sul Clitunno), Nts Project (Bastia Umbra), Oleificio Ranieri (Città di Castello), Oma (Foligno), Pattern (Spello), Tecnokar Trailers (Spoleto), Umbria gas (Tordandrea di Assisi) e Vetrya (Orvieto).

Le scuole coinvolte sono: IIS Tecnico-professionale di Spoleto, IIS “Polo-Bonghi” di Assisi, IIS “Cavour-Marconi-Pascal” di Perugia, Istituto omnicomprensivo “Rosselli-Rasetti” di Castiglione del Lago, ITT “Allievi-Sangallo” di Terni, ITI “Franchetti-Salviani” di Città di Castello, ITET “Aldo Capitini” di Perugia, IPSIA “S. Pertini” di Terni, Istituto comprensivo statale di Acquasparta, Istituto comprensivo “Ten. Petrucci” di Montecastrilli, ITE “F. Scarpellini” di Foligno e Liceo scientifico “G. Marconi” di Foligno.

Alcuni studenti, inoltre, hanno fatto visita al Laboratorio Meccatronico (Labomec) di ITS Umbria Academy, l’accademia tecnica di alta specializzazione post diploma nata per formare super tecnici da inserire efficacemente nel mondo del lavoro. Il laboratorio, con sede nella zona industriale di Foligno, è la riproduzione fedele di una realtà aziendale innovativa, ispirata a Industria 4.0 e completa di tutti i processi (dalla progettazione alla logistica).

«Le nostre aziende – sottolinea Alessandro Tomassini, Presidente Piccola Industria di Confindustria Umbria – stanno vivendo un cambiamento epocale, che riguarda l’aspetto lavorativo, comportamentale e relazionale. Per questo abbiamo bisogno di ragazzi motivati e con le idee chiare. Siamo quindi pronti a mostrare alle nuove generazioni le nostre capacità tecniche e organizzative, in modo da far comprendere meglio il futuro professionale che già adesso attende gli studenti, futuri interpreti di un nuovo modo di lavorare». 

La decima edizione del Pmi Day si è inoltre caratterizzata per la preziosa collaborazione tra le Associazioni degli industriali di Umbria e Marche, attraverso un progetto di mobilità studentesca ancor prima che imprenditoriale. Una delegazione di ragazzi umbri ha infatti visitato un’azienda marchigiana e viceversa: gli allievi dell’istituto “Capitini” di Perugia sono stati accolti da Artisans Shoes Prada a Montegranaro, mentre una classe dell’IIS “Marconi-Pieralisi” di Jesi ha fatto tappa all’azienda Icat Adesivi di Fossato di Vico, specializzata nello sviluppo di soluzioni per l’incollaggio.

«Il gemellaggio tra le Associazioni degli industriali di Umbria e Marche – aggiunge Tomassini – rappresenta un importante momento di confronto e crescita, sia per i nostri ragazzi che per le imprese coinvolte. La collaborazione stretta in occasione del Pmi Day 2019 è un segnale positivo, di apertura, che potrebbe essere sviluppato anche in altre attività. Può considerarsi la prima tappa di un percorso per realizzare progetti condivisi, facendo leva sulla vicinanza e sulle numerose affinità che accomunano il tessuto produttivo delle nostre regioni».