Colti sul fatto dai carabinieri: coppia di bettonesi finisce nei guai

BETTONA (Perugia) – Due cinquantenni di Bettona, forse ritenendo di risparmiare qualcosa, hanno pensato bene di fare legna con la prima cosa che gli è capitata a tiro: una quercia secolare trovata, riferiranno a cose fatte i carabinieri intervenuti, «adagiata al suolo in un campo adiacente il campo sportivo di Bettona: non hanno esitato a prendere la motosega e a darci dentro di gran lena, segando, porzionando e caricando la legna del povero nobile albero su di un fugone di loro proprietà». 

Peccato che la quercia fosse stata in precedenza abbattuta dall’amministrazione comunale per motivi di sicurezza, e che questa avesse già avviato le procedure finalizzate a raccogliere eventuali offerte da privati al fine di vendere la legna dell’albero al migliore offerente e rimpinguare così le casse comunali.

Quando i carabinieri sono intervenuti, richiamati da alcuni cittadini, testimoni della scena, hanno colto la coppia di cinquantenni con le mani nel sacco: «Gli stessi hanno quindi cercato di professare la loro innocenza asserendo di non essere al corrente dell’illiceità del loro comportamento – riferiscono i militari -, dichiarandosi disponibili a contattare il sindaco di Bettona per l’acquisto della legna ed impegnandosi a scaricare il furgone dalla legna in precedenza illecitamente sottratta». 

I carabinieri però, dubitando della buona fede dei due, lasciato passare qualche minuto piombano in casa dei due cinquantenni trovavando non solo il furgone ancora carico del legname, ma anche altra legna, evidentemente sottratta in precedenza, per un totale di circa 5 quintali. Immediata, a quel punto, sono scattati denuncia e sequestro della legna, che è stata quindi restituita all’amministrazione comunale.