Duecento cessioni di droga in pochi mesi e un giro di «affezionati acquirenti che si rivolgevano a lui due o tre volte a settimana»

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Nei giorni scorsi, i carabinieri di Città di Castello hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Perugia, a carico di un 28enne algerino, ritenuto responsabile dello «spaccio continuato di sostanze stupefacenti» in centro storico. Un business potenzialmente molto remunerativo a giudicare dalle «decine di cessioni di sostanze stupefacenti, prevalentemente del tipo cocaina, effettuate dal giovane algerino» documentate dai militari. Circa 200 nel periodo compreso tra gennaio e maggio 2019. 

«L’arrestato – proseguono i carabinieri – noto tra gli assuntori di stupefacenti del posto con il nome “Angelo”, si era infatti creato una fitta schiera di affezionati acquirenti, i quali vi si rivolgevano mediamente 2/3 volte a settimana, taluni però anche tutti i giorni, consentendo allo spacciatore di mettere su una florida e molto remunerativa attività». L’uomo, irregolare sul territorio nazionale, è stato rinchiuso a Capanne in attesa di essere sentito dai magistrati.