Tribunale conferma assenza rischi statici. Carreggiata ancora ristretta per consentire i lavori di manutenzione programmata

UMBRIA – Alle 16 di ieri Anas ha riaperto a tutti i mezzi pesanti il viadotto “Puleto”, sulla strada statale 3bis “Tiberina”, tra Valsavignone e Canili, in provincia di Arezzo. È quindi regolarmente consentito il transito senza limitazioni di massa fino a 44 tonnellate sull’intera direttrice E45 Orte-Cesena.

La rimozione del precedente limite di 30 tonnellate è stata autorizzata nella giornata dalla procura di Arezzo, in seguito alla perizia – richiesta dal tribunale nell’ambito dell’indagine in corso – che esclude rischi di staticità dell’opera, in linea con la relazione tecnica prodotta da Anas lo scorso 21 gennaio.

«Per esigenze di cantiere – fa sapere Anas – al fine di consentire l’esecuzione dei lavori di manutenzione programmata, resterà provvisoriamente attivo il restringimento di carreggiata con limite di velocità a 40 km/h in corrispondenza del viadotto. I lavori – programmati e appaltati da Anas nell’ambito del piano di riqualificazione della E45 – riguardano in particolare il risanamento del calcestruzzo, il miglioramento sismico dell’opera, il rifacimento delle solette e l’ammodernamento delle barriere laterali di sicurezza, per un investimento complessivo di 2,5 milioni di euro. L’intervento era stato appaltato da Anas nel 2018 e consegnato all’impresa esecutrice nel mese di dicembre».