Acciuffato dalla polizia ferroviaria: denuncia e maxi multa per un trentenne italiano

FOLIGNO (Perugia) – Prima si mette a vendere bibite e panini sul convoglio ferroviario poi, sorpreso dal capotreno, inizia ad insultarlo e minacciarlo. Succede sulla tratta Spoleto-Foligno: il capotreno sorprende il venditore irregolare, gli dice di smettere e gli chiede di poter vedere il biglietto.

Alla richiesta, ragionevole e legittima, l’uomo risponde di non esserne in possesso, e dice anche – si apprende ora dalla polizia – di lasciarlo stare, di non avere alcuna intenzione di interrompere quel business. Quando è scattata la richiesta di intervento alla polfer di Foligno, il venditore, un 30enne italiano, si sarebbe persino messo a insultare, minacciare il dipendente Fs, cercando poi di dileguarsi alla prima fermata in stazione.

Inutilmente. Rintracciato, è stato identificato e denunciato dalla polizia di Stato per oltraggio, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. A suo carico anche la doppia sanzione amministrativa per la vendita abusiva di prodotti e per la mancanza di biglietto per un ammontare superiore ai 500 euro.