Foligno, la rabbia del primo cittadino

FOLIGNO (Perugia) – Questa notte è stato dato alle fiamme il grande Gonfalone della Quintana, che come di consuetudine viene esposto sulla facciata principale del Palazzo Comunale a simboleggiare il periodo della Festa della Città. «Si tratta di un gesto vile e sconsiderato, inqualificabile ed ingiustificabile, che condanno con assoluta fermezza e durezza, come sindaco, così come quintanaro».

Non si sono fatte attendere le dichiarazioni del sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, in merito alla vicenda. «Ringrazio le forze dell’ordine, i Vigili del Fuoco ed i nostri Vigili Urbani che si sono prontamente attivati con proficua collaborazione. Ho chiesto, sin da subito il massimo impegno per individuare gli autori, mettendoci a piena diposizione delle Autorità competenti».

Prioritario anche il pensiero alla massima manifestazione cittadina. «Ho espresso al presidente dell’Ente Giostra della Quintana e per suo tramite all’intero mondo quintanaro, tutta la vicinanza e l’affetto mio personale, dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Foligno. Siamo, come sempre, ed oggi ancora di più, vicini ai quintanari». E si comincia a pensare a delle soluzioni immediate, seppur provvisorie. «Sono certo che questo episodio, che è un colpo al cuore della città e della Quintana, saprà darci una spinta per dar vita a giorni di festa ancor più entusiasmanti – prosegue il sindaco Zuccarini – noi siamo pronti a fare la nostra parte, e l’assessore delegato Decio Barili, che ringrazio, si sta già adoperando in sinergia con l’Ente Giostra per dare una risposta rapida e concreta».