Il programma della rievocazione tra le più antiche e suggestive dell’Umbria

MONTONE (Perugia) – Il clima, i costumi e i sapori del medioevo tornano nell’incantevole cornice di Montone, con la “Donazione della Santa Spina”, la rievocazione storica, tra le più antiche e suggestive dell’Umbria, che si svolge fino al 18 agosto.

«Ciò che rende imperdibile questo appuntamento – ha detto il sindaco del borgo, Mirco Rinaldi, durante la presentazione dell’evento – è il saper ‘rileggere’ la storia rendendola accessibile a tutti, attraverso rappresentazioni di grande impatto emotivo e visivo. La ‘cura’ dei montonesi, per nascita o adozione, che si impegnano sinceramente e motivati, rinunciando a ferie e riposo, per la realizzazione dei festeggiamenti e, in particolare, degli spettacoli, fa di questa manifestazione un vero e proprio vanto. Vorrei, inoltre, ricordare che questa edizione si svolge in un anno indimenticabile per Montone: dopo quasi seicento anni, con un accurato lavoro sul piano storico, artistico e amministrativo, siamo riusciti a riportare nel Borgo la teca contenente le ossa di Braccio».

La Donazione della Santa Spina rievoca le gesta del Capitano di ventura Braccio Fortebracci, il cui figlio Carlo donò alla città una spina della corona che trafisse il capo di Gesù Cristo. Durante la settimana dei festeggiamenti i tre Rioni, Porta del Borgo, Porta del Monte e Porta del Verziere, si affrontano lanciandosi bandi di sfida, rappresentando scene di vita medievale e cimentandosi nel tiro con l’arco, al fine di conquistare il palio e di eleggere la propria Castellana. Le prove affrontate dai rioni vengono giudicate da una giuria di esperti che ne valutano la storicità, la scenografia e l’interpretazione.
«Questa formula – ha spiegato Raffaele Bei, presidente della Pro loco montonese – tiene alta la tensione per l’intera settimana fino alla proclamazione del vincitore, il sabato sera. Il tutto si conclude la domenica con un magnifico corteo storico in costume. La manifestazione coinvolge l’intera cittadinanza in un costante lavoro di ricerca che rappresenta un prezioso valore aggregativo e di trasmissione di cultura e tradizioni. Molte energie vengono impiegate nell’organizzazione e gestione delle taverne rionali, che per tutta la settimana accolgono i visitatori con profumi d’altri tempi. Tra le novità di questa edizione troviamo ‘Vestiti di Montone medievale’, una buona occasione per indossare affascinanti abiti del passato nel centro storico, e il ritorno di ‘Guanto di sfida’, giochi popolari tra bambini e ragazzi per coinvolgere i più piccoli e mantenere viva anche in futuro la festa».

Alla presentazione ha partecipato anche Elisa Minchielli di Sistema Museo che ha illustrato le varie attività proposte per approfondire la festa. «Nel corso della Santa Spina – ha evidenziato Minchielli – sono previste visite guidate in costume storico per le vie del Borgo, in compagnia di un personaggio speciale, Margherita Malatesta. Nel programma anche attività didattiche per i piccoli visitatori del museo, impegnati a realizzare armi, armature, monili, gioielli, stemmi, corone, per immergersi in un’atmosfera magica e surreale, rivivendo i momenti salienti della vita nel Medioevo. Un altro simpatico momento dedicato alle famiglie sarà quello della caccia al tesoro. Ad arricchire l’offerta anche la presentazione del libro di Luciano Taborchi su Nicolò Piccinino, fissata per sabato 17 agosto».

Il programma

Domenica 11 agosto dalle 18 nel centro storico “Vestiti di Montone medievale”, siate dame e messere per un giorno. Alle 19.30 apertura taverne rionali e alle 21.30 la presentazione delle Castellane e scambio delle bandiere in piazza Fortebraccio.

Lunedì 12 agosto alla Rocca di Braccio alle 21.30 Bandi di sfida tra i Rioni del castello.

Martedì 13 alla Rocca di Braccio, alle 18, III° torneo giovani arcieri Malatesta e alle 21 esibizione degli sbandieratori del Castello e a seguire la gara di tiro con l’arco tra i rioni.

Mercoledì 14 dalle 18 nel centro storico “Vestiti di Montone medievale”, siate dame e messere per un giorno. In piazza Fortebraccio alle 19 “Burattini medievali: il baule della fantasia”. Alle 21 rappresentazione medievale rione Porta del Borgo, “Tradimento”.

Giovedì 15 nel centro storico racconti epici e burleschi. Alle 21 rappresentazione medievale rione Porta del Monte, “De Damnatione”.

Venerdì 16 dalle 18 nel centro storico “Vestiti di Montone medievale”, siate dame e messere per un giorno. Alle 21 rappresentazione medievale rione Porta del Verziere, “Obsessio”.

Sabato 17 nella chiesa di San Francesco, alle 11, conferenza di presentazione di “Nicolò Piccinino. Storia di un capitano di ventura. Dal castello perugino di Caligiana al sogno del Ducato di Milano”. Alle ore 17.30 alla Rocca di Braccio “Guanto di sfida” con giochi popolari e alle 21.30 proclamazione del rione vincitore.

Domenica 18, alle 17.30, gran corteo storico della Donazione della Santa Spina e alle 21.30 alla Rocca di Braccio splendori di musica antica a cura della Corale Fortebraccio.