Il programma

PERUGIA – Trecento eventi in dieci giorni, per la maggior parte gratuiti. Dodici location. Novantacinque band in cartellone e quasi, in tutto, cinquecento musicisti. Tanta musica a partire da venerdì 12 luglio, poi seminari di formazione, un concorso per nuovi talenti, iniziative e laboratori per i bambini, enogastronomia, una mostra fotografica in Galleria, lezioni di ballo swing, dj set.

Sono questi i numeri di una edizione che conferma Umbria Jazz tra i maggiori eventi del settore a livello mondiale. Con, in più, la suggestione della sua formula e della sua cornice: uno dei centri storici più belli d’Italia. In cui ascoltare jazz e non solo, per dieci giorni ininterrottamente dalla mattina a notte fonda.

Si comincia già stasera in realtà: con una gustosa anteprima in piazza IV Novembre: con Brio, band di San Francisco che è diventata, soprattutto con i suoi eventi live, una specie di istituzione musicale della Bay Area e Wee Willie Walker & The Anthony Paule Soul Orchestra che propongono grande Black Music – comunque la si voglia definire, Soul, Blues, R&B – spettacolare e coinvolgente. Poi, domani, via col primo, vero weekend targato UJ2019.