«Uno degli spacciatori più attivi sulla piazza»

ASSISI (Perugia) – Ancora droga nell’Assisano. Ancora cocaina. Ancora un pusher finito nella rete dei carabinieri. Ma a colpire, stavolta, è l’età dello spacciatore: appena 16enne. Giovane, giovanissimo. Ma già capace di gestire, secondo i militari di Assisi, un’ampia fetta dello smercio locale, al dettaglio, di sballo in polvere. Il baby pusher è finito nel radar dei militari nell’ambito delle indagini svolte gli scorsi mesi tra Assisi, Santa Maria e Bastia: quell’operazione “Cocktail” che due mesi fa aveva portato all’esecuzione di ben sette misure di custodia cautelare, oltre a un arresto in flagranza, e che oggi si arricchisce di questo nuovo, inaspettato capitolo.

Il 16enne, ora collocato in comunità, a detta degli investigatori era «uno dei più attivi pusher impegnati nella piazza di Santa Maria degli Angeli, costantemente impiegato dagli altri sodali per la cessione di cospicui quantitativi di cocaina nei confronti di una nutrita clientela». I fatti attribuiti al minore sono stati ricostruiti attraverso pedinamenti e servizi di osservazione, durante i quali, in più occasioni, il ragazzo sarebbe stato visto girare per le vie di Santa Maria degli Angeli in bicicletta «pensando così di eludere i controlli e non destare il minimo sospetto per poi, lontano dagli occhi indiscreti dei residenti e dei turisti, consegnare le dosi di sostanza abilmente occultate all’interno dei calzini».

Numerosi, poi, sarebbero stati i recuperi effettuati a carico degli acquirenti immediatamente dopo le cessioni. «Il minore – si apprende ancora dai carabinieri della compagnia di Assisi – ora si trova in una comunità lontana da quei luoghi che lo hanno visto protagonista dello spaccio di cocaina, affidato alle cure degli educatori della comunità che, con professionalità e perseveranza, tenteranno di restituire al minore una vita adeguata, costruendogli un futuro migliore lontano da quelle che sono le tristi dinamiche legate al mondo della cocaina».