I controlli dei carabinieri

PASSIGNANO SUL TRASIMENO (Perugia) – Il suo nervosismo lo ha tradito: troppo chiaro che non si aspettasse di incrociare i carabinieri nella stazione in cui era andato a spacciare.

È così che è stato arrestato in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un ventenne, cittadino italiano di origini magrebine, domiciliato a Tuoro, disoccupato, celibe, gravato da numerosi precedenti. Il giovane è stato fermato all’ interno della stazione ferroviaria di Passignano, nel corso di uno specifico servizio finalizzato all’attività di contrasto allo spaccio e prevenzione dei reati in genere, con particolare riguardo ai luoghi di aggregazione dei giovani, dai militari del Nucleo Radiomobile della compagnia carabinieri di Città della Pieve.

Alla vista dei militari, si è subito fatto notare per l’atteggiamento nervoso ed agitato: i carabinieri, conoscendo il ventenne per i suoi trascorsi giudiziari, hanno provveduto ad effettuare un normale controllo di polizia, a seguito del quale, dopo perquisizione personale, nelle disponibilità del ragazzo, e precisamente ben occultati all’interno degli slip, sono stati rinvenuti 9 involucri di cellophane trasparenti termosaldati, a forma di ovulo, contenenti hashish dal peso complessivo di 100 grammi circa. In casa, invece, non è stata trovata droga. Il ventenne è stato accompagnato negli uffici della Compagnia carabinieri di Città della Pieve e poi nella sua abitazione in regime cautelare degli arresti domiciliari, in attesa di rito direttissimo che sarà celebrato oggi nel tribunale di Perugia. Lo stupefacente rinvenuto è stato posto sotto sequestro per le analisi di rito.