Oltre 73mila prodotti. Nel mirino della guardia di finanza anche l’abusivismo commerciale

PERUGIA – Maxi sequestro della guardia di finanza di Perugia che nei giorni scorsi – nell’ambito di un più ampio dispositivo predisposto a livello nazionale – ha messo in atto un vero e proprio «piano straordinario di interventi per il contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale e per la tutela della sicurezza dei prodotti».

Al termine dei controlli sono state contestate 14 violazioni al Codice del consumo. Circa 73mila, complessivamente, i prodotti sottoposti a sequestro. «Le irregolarità riscontrate – fanno sapere le fiamme gialle – hanno riguardato la commercializzazione di articoli ritenuti non sicuri, in quanto privi dell’indicazione della relativa composizione merceologica, nonché del Paese d’origine. Fra questi, accessori per l’abbigliamento, bigiotteria e giocattoli».

Quasi 900 i prodotti contraffatti sequestrati, tra i quali spiccano giocattoli, capi di abbigliamento e accessori con su i marchi (farlocchi) delle griffe più ricercate. «Inoltre – si apprende ancora – è stato individuato un esercizio commerciale sprovvisto dell’autorizzazione amministrativa alla vendita di oggetti in argento, prescritta dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza. Sono stati, in questo caso, sequestrati oltre 500 oggetti, tra anelli, orecchini e bracciali, per un peso complessivo di 1,5 chilogrammi di argento».

L’intensificazione dell’attività delle Fiamme Gialle persegue un duplice obiettivo: salvaguardare l’economia legale e gli imprenditori onesti, cui si affianca l’imprescindibile esigenza di tutelare la salute e la sicurezza dei consumatori, soprattutto i più anziani ed i giovani.