A San Sebastiano le opere di Sergio Sani

PANICALE (Perugia) – Una conversazione, a distanza di 500 anni, tra due pittori innovatori, che, ispirati dal lirico paesaggio umbro, hanno saputo interpretare le espressioni umane più profonde.

È proprio il legame artistico tra Pietro Perugino e Sergio Sani ad essere celebrato in una mostra che verrà inaugurata martedì 16 aprile alle 17. L’esposizione, che durerà fino al 16 giugno, sarà ospitata nella chiesa di San Sebastiano, dove è conservato il famoso affresco del Perugino “Martirio di San Sebastiano”.
Le opere esposte di Sani, uno dei maggiori pittori del panorama artistico nostrano e Docente presso l’Accademia di belle arti di Carrara, Urbino e Perugia, riescono a instaurare un profondo ed emozionante dialogo con quelle del Perugino, esprimendo lo stesso spirito inquieto dell’uomo di fronte al suo destino, in cui pittura e colore rappresentano la salvezza, la ricerca di un significato più grande al di là della nostra umanità, nel valore eterno e vulnerabile della natura intorno a noi.
Per informazioni, contattare l’Ufficio turistico di Panicale, piazza Umberto, tel. 075837433, panicale@sistemamuseo.it, o visitare il sito www.terredelperugino.it.