Appuntamento pasquale nella rassegna Cantiones Sacrae della stagione musicale 2018-2019 della Fondazione Cucinelli: l’ingresso è gratuito

PERUGIA – Appuntamento pasquale della Fondazione Perugia musica classica nella basilica di San Pietro, con uno dei capolavori di Johann Sebastian Bach: la Passione secondo Giovanni BWV 245, vero e proprio monumento e vetta assoluta della pratica delle Passionmusiken oratoriali.

Mercoledì 17 aprile alle 20.30, sarà l’Orchestra Barocca InCanto insieme alla Corale Amerina e al Coro da Camera Canticum Novum di Solomeo, diretti da Fabio Maestri ad eseguire il concerto, che si avvale della partecipazione di autorevoli solisti, primi fra tutti il tenore romano Carlo Putelli nel ruolo dell’Evangelista narratore, affiancato dal baritono Dario Ciotoli nel ruolo di Christus. Le Arie della Passione – tra cui la commovente «Es ist vollbracht» (Tutto è compiuto) – saranno eseguite da: Patrizia Polia (soprano), Elisabetta Pallucchi (contralto), Roberto Mattioni (tenore) e Federico Benetti (basso).
Il concerto, inserito nella rassegna Cantiones Sacrae della stagione musicale 2018-2019 della Fondazione Cucinelli, è a ad ingresso libero.
La Passione secondo Giovanni BWV 245 è insieme alla Passione secondo Matteo, l’unica superstite delle cinque Passioni che Bach avrebbe composto. Eseguita per la prima volta a Lipsia il venerdì santo del 1724, fu in seguito più volte rivista con quattro versioni note.
Opera perfettamente figlia del suo tempo, impregnata della predicazione di Lutero (che considerava il Vangelo secondo Giovanni il «principale, superiore ai tre altri»), la Passione secondo Giovanni è un monumento assoluto, musicale e etico, il cui messaggio appare oggi, a distanza di tre secoli, puramente intatto.

Fabio Maestri, compositore e direttore d’orchestra, ha studiato con Franco Donatoni e Franco Ferrara. Ha diretto in prestigiose Istituzioni musicali e festival italiani ed europei, ed è stato più volte ospite di importanti orchestre.
Tra gli autori di cui ha diretto prime assolute si ricordano: Panni, Pennisi, Donatoni, Bortolotti, Brouwer, Manzoni, Galante, Cardi, Ambrosini, Sbordoni, Tutino, Betta, Del Corno, Boccadoro, D’Amico, Dall’Ongaro, Pedini, Vacca, Panfili, Gregoretti, Montalti, Antignani.
Sue composizioni sono state premiate e segnalate in diversi concorsi e rassegne tra cui: Venezia Opera Prima (1981), Concorso Achantes di Parigi (1983, presidente Yannis Xenakis).
Ha curato numerose revisioni di opere di Pergolesi, Haendel, Padre Martini, Morlacchi, Vaccaj, Haydn. Ha al suo attivo 19 produzioni discografiche, dal ‘600 ai contemporanei.

L’Orchestra Barocca InCanto e la Corale Amerina nascono all’interno dell’attività dell’Associazione InCanto e del Festival Opera InCanto, che da circa dieci anni –accanto a opere storiche come Il barbiere di Siviglia e La cenerentola di Rossini – allestisce lavori del teatro musicale contemporanea nei teatri di Narni, Amelia e Terni. L’Ensemble è stato ospite più volte della Sagra Musicale Umbra con un repertorio novecentesco (Dallapiccola, Petrassi, Berio e Donatoni), mentre il Coro si è affermato in Umbria e in altre regioni nazionali in importanti pagine del periodo barocco e classico.
Fondato nel 1986, il coro Canticum Novum, dal 1994 ha affidato la direzione al Maestro Fabio Ciofini. Filo conduttore di tutta l’attività di studio del coro, è sempre stato quello di porre la massima attenzione alla ricerca timbrica e all’accurata interpretazione del testo musicale. Il repertorio comprende oltre ai brani più classici e popolari a cappella, una ricca scelta di opere per coro ed orchestra, opere liriche eccetera. Il repertorio di W.A. Mozart va dalle opere giovanili, fino alle più mature ed impegnative, comprendenti, tra le altre, il Requiem e la Messa dell’Incoronazione. Il coro ha preso parte a diverse rassegne corali ed ha effettuato tournée in Italia e in molti Paesi europei. Dal 1999 organizza il Festival Villa Solomei, riscuotendo ogni anno sempre più grande successo di pubblico e critica e richiamando molti appassionati italiani e stranieri