“Osservazioni e prospettive” sul tema durante il convegno in programma lunedì

di Università degli studi di Perugia
(riceviamo e pubblichiamo)

L’Aula Magna dell’Ateneo di Perugia ospiterà, lunedì 15 aprile 2019, dalle ore 15 alle ore 18, il convegno, “La formazione universitaria degli insegnanti: Osservazioni e prospettive”; organizzato dal corso di studi in Scienze della Formazione Primaria, si rivolge a tutto il mondo della scuola e si inquadra nella cornice della più ampia riflessione sulla formazione iniziale e sulla formazione in servizio degli insegnanti.

La professione docente, al giorno d’oggi, è particolarmente delicata: necessita di competenze professionali di alto livello che non si esauriscono con le sue conoscenze disciplinari, ma investono aspetti trasversali fondamentali (pedagogici, psicologici, antropologici, informatici) e di didattica disciplinare. La formazione in servizio non deve essere vista solo come attività obbligatoria: occorre che faccia leva sulle motivazioni di base dei futuri docenti e sulla voglia di crescita finalizzata ad acquisire competenze spendibili in termini di crescita professionale. Formazione ed esperienza, quindi, sono complementari e una buona formazione iniziale permette anche lo sviluppo di un’esperienza migliore, più consapevole e riflessiva, dunque professionalizzante.

La professoressa Claudia Mazzeschi, direttore del Dipartimento di Filosofia Scienze sociali, Umane e della Formazione e la dottoressa Antonella Iunti, dirigente dell’Ufficio Scolastico dell’Umbria, porteranno i saluti istituzionali. Introdurrà i lavori la professoressa Floriana Falcinelli, coordinatore del corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria.

«Per fare i maestri occorre la laurea, lo dice una legge del 1998 e questa regola dovrebbe valere per tutti. Le sanatorie e i ricorsi all’italiana non fanno bene alla scuola e ai bambini». Partirà poi da qui l’intervento di Elisabetta Nigris, ordinario, pedagogista dell’Università di Milano Bicocca, coordinatrice dei presidenti dei corsi in Scienze della formazione primaria, che vuole ribadire, attraverso il suo intervento dal titolo “Formazione iniziale e formazione in servizio: il ruolo dell’università”, che gli unici abilitati a formare i futuri maestri della scuola dell’infanzia e primaria sono i Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria.

Interverrà inoltre la studentessa Angela De Nicola, rappresentante degli studenti Scienze della Formazione Primaria dell’Università di Perugia con un contributo dal titolo “La Formazione Conta”. Chiuderà i lavori la professoressa Floriana Falcinelli.