Se ne parlerà anche in occasione di Agriumbria con un appuntamento dedicato agli operatori del settore

PERUGIA – «Il progetto rappresenta un perfetto esempio di integrazione di strumenti di programmazione finanziaria UE e rete territoriale tra amministrazioni, enti di ricerca e imprese. Per gli agricoltori umbri è altresì un passo storico verso la Smart agriculture».

È con queste parole che Rufo Ruffo, presidente Gruppo Operativo RTK 2.0,ha commentato il progetto Umbria Smart Land, presentato a palazzo Cesaroni nell’ambito dell’Agenda digitale.
Umbria Smart Land rappresenta l’evoluzione del Gps Umbria per il posizionamento di alta precisione per lo sviluppo di sistemi territoriali intelligenti, fruibili anche in agricoltura. Grazie anche al contributo del Gruppo Operativo RTK 2.0, attivato con la mis. 16.1 del Psr, infatti, oggi le imprese agricole dotate di strumentazione di precisione per la conduzione e gestione di macchine agricole e operatrici, possono contare su una rete geodetica dinamica in grado di fornire in tempo reale un segnale di posizionamento con accuratezza centimetrica.
In considerazione delle importanti applicazioni nel settore agricolo e delle prospettive di sviluppo delle tecnologie digitale, Confagricoltura Umbria partecipa attivamente alla diffusione di queste applicazioni, sia attraverso l’operato della società Cratia srl che coordina il Gruppo Operativo, che mediante attività di informazione nei confronti delle imprese che operano in agricoltura.
Se ne parlerà ancora in occasione della prossima edizione di Agriumbria, in un appuntamento dedicato a tutti gli operatori del settore che si terrà venerdì 29 marzo alle 10.30 nella Sala Europa di Umbria Fiere.