«Alcuni hanno 10 mesi di stipendi arretrati»: l’allarme della Cgil

UMBRIA – «C’è grande preoccupazione tra i lavoratori del trasporto pubblico locale e del trasporto scolastico dei comuni di Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo e Massa Martana».

Comincia così il comunicato diffuso, nel pomeriggio di martedì, dalla Cgil dell’Umbria. Sembra che alcuni dei diretti interessati, infatti, in via non ufficiale, avrebbero «avuto notizia della prossima liquidazione della cooperativa Caps per la quale lavorano all’interno del consorzio Ctp, titolare del servizio nei tre comuni della provincia di Perugia».

«Secondo le notizie che ci hanno riportato alcuni iscritti – affermano Sandro Gentili e Stefano Maiarelli, della Filt Cgil Umbria – il 31 marzo la cooperativa cesserà l’attività, ma non ci sono indicazioni sul futuro dei lavoratori, sul loro eventuale passaggio ad un’altra cooperativa o società, sulle condizioni (anzianità, retribuzioni, etc) e soprattutto sugli arretrati dovuti dalla Caps, che ammontano per alcuni di loro addirittura a 10 mensilità».

«Questo silenzio è sconcertante – concludo i due sindacalisti Filt – per questo abbiamo già interessato i tre Comuni coinvolti, chiedendo anche un intervento in solido sugli stipendi arretrati, visto che la situazione per i lavoratori è totalmente insostenibile, ma c’è anche un rischio per utenti e famiglie perché la continuità e la qualità del servizio sono sicuramente a rischio».