Le rassicurazioni di Anas e Regione nel corso dell’incontro chiesto da Confcommercio Valnerina

di Confcommercio Umbria
(riceviamo e pubblichiamo)

PERUGIA – La temuta chiusura della SS685 Tre Valli Umbre, il più importante e diretto collegamento tra le regioni Marche e Umbria, che unisce il Comune di Arquata del Tronto nell’Ascolano al Comune di Norcia, per il momento non ci sarà, almeno fino a quando non saranno trovati percorsi alternativi che consentano comunque una continuità nelle comunicazioni viarie.

E’ quanto emerso nel corso dell’incontro chiesto da Confcommercio Valnerina ai vertici di ANAS, che si è svolto questa mattina a Perugia e al quale hanno preso parte il Responsabile coordinamento territoriale Centro Italia Raffaele Celia e l’ingegner Cerrato di ANAS, l’assessore regionale ai lavori pubblici ed alla viabilità Giuseppe Chianella, il presidente di Confcommercio Valnerina Alberto Allegrini e il funzionario Stefano Remigi.
«Nel nostro territorio, reso fragilissimo dal terremoto – dice Alberto Allegrini, presidente di Confcommercio Valnerina – le vie di collegamento hanno una importanza straordinaria e sono una priorità irrinunciabile. Siamo consapevoli dei danni rilevanti a tutto l’itinerario della statale a causa degli eventi sismici di agosto e ottobre 2016. La preoccupazione di una eventuale nuova chiusura per gli interventi di riparazione e manutenzione ci hanno perciò spinti a chiedere un confronto con ANAS e Regione, i cui esiti ci hanno fatto tirare un respiro di sollievo. Per ora non ci sarà alcuna chiusura della statale, che è sottoposta comunque ad una attività di monitoraggio giornaliero sulla galleria Cesaronica per garantirne la sicurezza.
Sfumata una prima soluzione per un percorso alternativo nel tempo necessario ai lavori, per il parere negativo della Conferenza dei servizi che non vi aveva ravvisato il rischio 0 di inquinamento della falda che alimenta l’acquedotto che serve l’ascolano, si dovrà ora avviare un nuovo iter e mettere mano a un nuovo piano progettuale.
Confcommercio Valnerina – conclude il presidente Allegrini – continuerà a seguire con estremo interesse il tema della viabilità e, più in generale, tutti i temi che possono contribuire al rilancio economico e sociale del nostro territorio».