Domenica 31 marzo, la manifestazione Aipd per festeggiare 40 anni di attività

PERUGIA – C’è anche Perugia fra le tappe del Down Tour, la manifestazione nazionale organizzata dall’Associazione italiana persone Down (Aipd) per celebrare 40 anni di attività. L’appuntamento è per domenica 31 marzo, alle 11, in piazza della Repubblica dove arriverà il Camper, scelto come strumento di viaggio, con un equipaggio partito da Viterbo. Ad accoglierli a suon di musica ci sarà la Banda musicale “G. A. Castellini” di Tuoro sul Trasimeno, le autorità locali e il calore della collettività.

La tappa perugina, patrocinata anche dalla Provincia di Perugia, è la terza di 37 in programma nei prossimi sei mesi in tutta Italia. Un viaggio iniziato con la Giornata mondiale e che finirà con la Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down, il 13 ottobre, per “mostrarsi”, socializzare ed evidenziare i risultati fin qui raggiunti. Una buona occasione per raccontare e stupire chi ancora non conosce le “persone con un cromosoma in più”, ma anche per ricordare a tutti l’importanza di diritti, autonomia e inclusione.

«Sono circa 115 i ragazzi down residenti con le rispettive famiglie nella provincia di Perugia che, in più di trent’anni, hanno fatto riferimento all’associazione – racconta il presidente della Aidp di Perugia Ferdinando Valloni -. L’età media degli iscritti, quasi tutti scolarizzati, è oggi sui 20 anni e tende ad aumentare con punte di longevità che ormai superano i 55. Registriamo un netto miglioramento della salute, delle capacità pratico-intellettive, della autonomia e dell’accettazione spesso entusiastica dei nostri ragazzi. Rimane un problema urgente da affrontare che non va sottovalutato: l’occupazione e la socializzazione. Perché per loro saper ogni giorno che cosa fare, significa indipendenza, crescita e autonomia».

«Al momento, solo 6-7 di loro hanno un lavoro regolare e retribuito, comunque limitato a poche ore settimanali. Per sopperire a questa grave carenza – continua Valloni – ci siamo letteralmente inventati una nuova forma di occupazione: il lavoro volontario non retribuito, da concordare e formalizzare con singoli enti e privati. Proprio per dare a tutti l’opportunità di uscire, di sentirsi utili, di non disperdere ciò che hanno faticosamente appreso».

Tra le iniziative inserite nel programma di domenica anche l’apertura di una Mostra fotografica, alle ore 13, nei locali di Umbrò, realizzata dai ragazzi dell’Aidp di Perugia dal titolo “Da reporter a fotoreporter Video racconti” e un successivo aperi-pranzo, aperto a tutti su prenotazione. Nel pomeriggio, alle 16, il camper del Down tour, si sposterà dal centro di Perugia al Campo sportivo di Castel del Piano per la manifestazione “SportivamenteExperience… tutti INCLUSI nello Sport”, un momento per fare nuove esperienze, dal calcio all’arrampicata e altre divertenti discipline.

Il Camper del Down Tour resterà in Umbria altri due giorni. Lunedì 1 aprile, alle ore 9.00, sarà a Città di Castello in piazza Matteotti e alle ore 10,30 all’Auditorium Sant’Antonio, per uno scambio di esperienze fra insegnanti e studenti sul lavoro volontario delle persone down. Alle 15.30, appuntamento alla Casa Verde in Via Martiri della libertà, sul tema, “Alla scoperta dell’autonomia”. Qui si farà il punto su dieci anni di corsi, finalizzati a far conseguire la piena autonomia ai ragazzi, organizzati dall’Aipd, all’interno della Casa verde. Alle ore 21.00, ma a Perugia al Cinema PostModernissimo, proiezione del film “Dafne” di Federico Bondi.

Martedì 2 aprile il camper approderà, alle 17.30, a Castiglione del Lago per due manifestazioni artistiche dei ragazzi down. Alla Scuola di Musica in Via Buozzi, Poesie di Marilisa Grifani e Fabrizia Lopilato, lette da Beatrice Ripoli della Fontemaggiore di Perugia. Subito dopo Musica Maestro, talenti con una marcia in più, esibizioni individuali di: Annapaola dell’Aquila (piano), Lorenzo Cascelli (sax), Gabriele Cava (tastiera), Luca Morini (batteria), Domenico Riccardi (chitarra). La tappa umbra del Down Tour, che il giorno successivo si recherà nella vicina Arezzo, chiude sempre a Castiglione del Lago, alle ore 20, con una cena di solidarietà, al Centro socio culturale l’Incontro in via Firenze. Per partecipare è necessario prenotare allo 075 953459.