Il dono dei frati del Sacro convento e la visita alla basilica di san Francesco di Abdullah II accompagnato dalla regina Rania. Ci saranno anche Merkel e Conte

ASSISI (Perugia) – I frati del Sacro convento di Assisi il prossimo 29 gennaio consegneranno la lampada della pace di san Francesco al re di Giordania Abdullah II, che farà visita alla basilica accompagnato dalla regina Rania.

Il dono ha come motivazione «la sua azione e il suo impegno tesi a promuovere i diritti umani, l’armonia tra fedi diverse e l’accoglienza dei rifugiati». All’incontro di Assisi saranno presenti anche la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.
Il direttore della sala stampa del Sacro convento di Assisi, padre Enzo Fortunato, ha sottolineato che la lampada di San Francesco verrà consegnata dal custode del Sacro convento, padre Mauro Gambetti, a sua maestà il re Abdullah II che «in Medio Oriente e in tutto il mondo ha distinto sé stesso e il Regno Hascemita di Giordania attraverso la sua azione e il suo impegno tesi a promuovere i diritti umani, l’armonia tra fedi diverse, la riforma del sistema educativo e la libertà di culto, e allo stesso tempo ha dato ospitalità e un rifugio sicuro a milioni di rifugiati. Queste sono le ragioni per le quali abbiamo deciso di premiare Sua Maestà con la Lampada della Pace».

Alla conferenza stampa di presentazione, che si è tenuta mercoledì alle 11.30 nella sede dell’Associazione stampa estera in Italia, hanno partecipato i frati del Sacro convento, l’ambasciatore del Regno Hascemita di Giordania in Italia, Fayiz Khouri, l’ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, Pietro Sebastiani, il portavoce dell’Ambasciata della Repubblica federale di Germania, Fabrizio Micalizzi, e il direttore della sala stampa del Sacro convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.
Durante l’incontro è stato annunciato dal direttore di Rai Ragazzi, Luca Milano, il cartone animato sul Santo di Assisi che andrà in onda sulle reti Rai. «Un film d’animazione per ragazzi e famiglie, con attenzione particolare al pubblico che va dai 7 ai 14 anni – ha dichiarato il direttore Luca Milano -. Il film parte dall’incontro avvenuto nel 1219, ottocento anni fa, tra san Francesco e il Sultano d’Egitto. Da lì a ritroso, il film d’animazione presenta i momenti essenziali della vita del Santo di Assisi ai ragazzi d’oggi. Il film, avviato in produzione da Rai Ragazzi con uno studio di animazione torinese, sarà pronto per la trasmissione sulle reti Rai a fine 2019 e verrà quindi distribuito internazionalmente».