Advertisement

«Chi non serve gli altri perde il senso del proprio stare al mondo»

20 Marzo 2019

Celebrata questa mattina dall’Arcivescovo Paolo Giulietti, presso l’impianto di Ponte Rio, la santa messa per i lavoratori e i dirigenti Gesenu

PERUGIA – «Chi non serve gli altri perde il senso del proprio stare al mondo». Queste le parole di Paolo Giulietti, recentemente eletto Arcivescovo di Lucca, durante la celebrazione liturgica pasquale di questa mattina che si è svolta presso l’impianto di Ponte Rio, alla presenza di lavoratori e dirigenti Gesenu e del sindaco di Perugia Andrea Romizi e del Vicesindaco Urbano Barelli.

Advertisement

«Chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore dice Gesù – ha commentato Giulietti – e così essere a servizio del prossimo, inteso come il proprio compagno o come collettività, ci restituisce il vero senso del nostro stare al mondo». «Il servizio non va sempre verso chi lo merita. Nel mio condomio – ha poi scherzato durante l’omelia – non hanno ancora inteso il senso della differenziata ma vedo che voi continuate ugualmente a portare via i rifiuti. Sentirsi amati immeritatamente serve ad azionare il cambiamento».

Un cenno anche all’Enciclica di Papa Francesco “Laudato sì” nella quale si parla, tra le altre cose, di conversione ecologica «che non può esserci se non si passa per una conversione interiore, indispensabile per pagare il prezzo del cambiamento e iniziare a prenderci cura della terra che ci è stata donata» La celebrazione pasquale è uno degli ultimi impegni che vede coinvolto Giulietti in eventi legati al territorio di Perugia, prima del suo trasferimento a Lucca. L’azienda si stringe in un ringraziamento sentito verso l’Arcivescovo di Lucca che, pur nei tanti impegni, ha tenuto a presiedere la Celebrazione, consueto momento di raccoglimento e di vicinanza per tutti i lavoratori dell’azienda.

Advertisement