Trecento bambini tra i 6 e i 12 anni coinvolti nelle zone di Perugia e Corciano

PERUGIA – Si chiama “Orti in città” il nuovo progetto ideato e realizzato da Fondazione Ant Italia Onlus a favore di 300 bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni, della zona di Castel del Piano a Perugia e del comune di Corciano.

Il progetto, finanziato da Conad Ipermercato del Gruppo PAC 2000 A e svolto in collaborazione con il Quasar Village, l’Azienda Agraria Fabrizi di Filippo Fabrizi di Deruta e l’assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Corciano, sta coinvolgendo 12 classi di 8 scuole primarie e secondarie di primo grado degli Istituti Comprensivi Benedetto Bonfigli di Corciano e IC6 di Castel del Piano.

Orti in città mira a potenziare la consapevolezza alimentare nei bambini e ragazzi, stimolandone il rispetto per l’ambiente e migliorandone gli stili di vita attraverso un intervento multidisciplinare: la vera e propria realizzazione di orti sopraelevati costruiti su cassette di legno; lo sviluppo di competenze agro-nutrizionali; l’educazione a un consumo alimentare consapevole; il rispetto dell’ambiente e il potenziamento delle proprie capacità di elaborazione attraverso una esposizione creativa con materiali di riciclo.

«Lavorare l’orto significa imparare che il cibo è importante ed essere capaci di saperlo produrre da soli è un gesto di grande valore ambientale – afferma la biologa nutrizionista Ant, Deborah Scarcella –. I bambini che stanno svolgendo le attività pratiche nell’orto imparano a progettare, ad avere pazienza, a osservare il ciclo della vita, a custodire e mantenere in salute le specie seminate. Toccano inoltre con mano l’importanza della stagionalità e del concetto di prossimità territoriale degli alimenti».

I 300 bambini e ragazzi coinvolti nel progetto, partito a novembre 2018, hanno seguito un ciclo di incontri nelle proprie classi con la biologa nutrizionista di Fondazione Ant in Umbria e con alcuni agronomi/esperti di agricoltura che volontariamente hanno donato il loro tempo e le loro competenze per la buona riuscita del progetto. Durante questi incontri, oltre a sviluppare le proprie competenze agro-nutrizionali, con un focus particolare su concetti come la piramide nutrizionale, la stagionalità e la prossimità dei cibi, hanno potuto piantare direttamente semi di grano e insalata, seguendo la crescita delle piantine.

“La Spesa Consapevole” rappresenta invece la seconda fase del progetto, attualmente in corso. Consiste in 4 visite guidate nel reparto alimentare del Conad Ipermercato presente nel Quasar Village per imparare a leggere e interpretare le etichette nutrizionali e soprattutto per educare i giovani a un consumo alimentare critico. Orti in città si concluderà domenica 5 maggio con un evento dedicato al Quasar Village, organizzato con il supporto pro-bono dell’agenzia Archi’s Comunicazione, che sta curando anche la linea grafica del progetto. L’evento consiste nell’esposizione – a partire dalle ore 9 per tutta la giornata – degli Orti realizzati dagli alunni e di alcuni elaborati grafici prodotti dai ragazzi.