Advertisement

Spara e uccide il cane dei vicini: ora rischia due anni di carcere

19 Febbraio 2019

I carabinieri di Assisi trovano a casa di un 62enne una carabina ad aria compressa con tanto di mirino di precisione

ASSISI (Perugia) – Con una carabina ad aria compressa ha sparato a un cane che stava tranquillamente passeggiando lungo la strada davanti casa sua.

Advertisement

Di questo è accusato un 62enne che nel pomeriggio di sabato a Santa Maria degli Angeli ha premuto il grilletto contro un piccolo meticcio, abituato a passeggiare per strada prima di rientrare nell’abitazione dei suoi padroni: l’uomo ora rischia la reclusione fino a due anni per il reato di uccisione di animali.
Dolorante e ferito, il piccolo animale ha percorso qualche decina di metri, guaendo disperato, per poi accasciarsi e morire in strada, ai piedi di due passanti che hanno inutilmente tentato di soccorrerlo.
Ai proprietari di “Chicco” non è rimasto altro che trasportarlo pietosamente a casa.
Allertati della situazione, i carabinieri della Compagnia di Assisi sono prontamente intervenuti e in pochi minuti hanno individuato l’autore del gesto considerato volontario, abitante a poca distanza dal luogo dove è stato ritrovato l’animale. L’immediata perquisizione domiciliare ha permesso anche di ritrovare l’arma utilizzata per sparare all’animale: una carabina ad aria compressa di libera vendita e detenzione, munita di ottica di precisione.
Il gesto avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, considerando che il luogo dove si è svolto il fatto è giornalmente frequentato da persone che portano a spasso i propri figli.

Advertisement