Al teatro Lyrick, lo spettacolo con  tredici straordinarie interpreti del Punto Rosa

ASSISI (Perugia) – Uno spettacolo teatrale per portare in scena il dolore, ma soprattutto la speranza, l’intimità e la voglia di vita delle donne dopo un cancro al seno.

È l’iniziativa del Punto Rosa, la onlus impegnata sin dal 2009 nel territorio di Assisi (e non solo) a sostegno di donne operate di tumore al seno e dei loro familiari, che per celebrare il decimo anno di attività (2009-2019), ha attuato un laboratorio di teatro che vede protagonista un gruppo di donne dell’associazione che, dopo aver frequentato un corso propedeutico guidate dal regista Lorenzo Dionigi dell’Innuendo Academy di Foligno, il 23 febbraio (alle 21) salirà sul palco del teatro Lyrick, gentilmente concesso dall’amministrazione comunale, per interpretare “Siamo Noi”.
Lo spettacolo teatrale coinvolge tredici donne del Punto Rosa (in veste di attrici per la prima volta) operate di tumore al seno, che hanno affrontato insieme la loro esperienza nella malattia. Al Lyrick, condivideranno con il pubblico la loro intimità nella messinscena frutto di un anno di lezioni teatrali propedeutiche. “Siamo Noi” proporrà agli spettatori varie figure femminili, specchio della nostra società, che si incontrano come in un salone del libro, intente a raccontare se stesse e le rispettive esperienze l’una all’altra, fino all’incontro con la malattia. Da questa, alla fine, usciranno con una vera e propria “danza alla vita”. Presenterà la serata Lucia Dionigi.

L’associazione Punto Rosa mette a disposizione figure specialistiche di riferimento per percorsi psicologici, nutrizionisti, fisioterapista per massaggio linfodrenante. Tra i vari progetti troviamo un laboratorio di pittura diretto da Stefania Carloni; due incontri settimanali per “camminare insieme”; un laboratorio di teatro guidato da Lorenzo Dionigi; un laboratorio di cucito e maglieria che sta partendo in favore degli ospiti della Casa di riposo Andrea Rossi di Assisi; una raccolta fondi che andrà a sostenere la presa in carico delle cure di due bambini in condizione di gravi disabilità.