A Terni lo spoglio racconta di un pareggio. Nel capoluogo, il centrodestra conquista due seggi in più

PERUGIA – Si sono svolte domenica 3 febbraio le elezioni per il rinnovo dei consigli provinciali, sia a Perugia che a Terni.

A Perugia, con il 57,1 per cento dei voti, la lista “Provincia Democratica Civica Riformista” ha prevalso su “Provincia Libera”, che ha ottenuto il 42,9%.
Rispetto alla precedente composizione del consiglio provinciale il centrosinistra passa da 9 a 7 seggi, mentre il centrodestra da 3 a 5.
La composizione del nuovo consiglio provinciale di Perugia (oggi la proclamazione) risulta così provvisoriamente composto:
Per Provincia Libera: Jacopo Barbarito (Giano dell’Umbria), Giovanni Andrea Lignani Marchesani (Città di Castello), Claudia Luciani (Perugia), Marcello Rigucci (Città di Castello) e Piero Sorcini (Perugia).
Per Provincia Democratica Civica Riformista: Roberto Bertini (Marsciano), Erika Borghesi (Perugia), Stefano Ceccarelli (Gubbio), Gino Emili (Cascia), Federico Masciolini (Assisi), Letizia Michelini (Monte Santa Maria Tiberina), Sandro Pasquali (Passignano sul Trasimeno).

A Terni, dove si sono sfidate le due liste “Provincia Libera” e “Democratici, riformisti e progressisti per la nuova area vasta di Terni”, lo spoglio è iniziato nella mattinata di lunedì 4 febbraio ed è finito con un pareggio: cinque consiglieri per ciascuna lista.