Un’intera giornata di eventi tra writer, break dance e decorazioni dei bambini

PERUGIA – Andy Warhol e la sua pop art continuano a ispirare Perugia, dove (fino al 17 marzo), la mostra dedicata all’artista newyorkese è allestita all’interno del Centro espositivo Galeazzo Alessi di via Mazzini.

Come? Dedicando un’intera piazza per un giorno al genio di Warhol, contribuendo anche a far rinascere un quartiere e avvicinare i bambini e i giovani all’arte. Si tratta della piazza incastonata nella popolare via Birago, un tempo piena periferia e oggi a tutti gli effetti area satellite del centro storico di Perugia. È qui che venerdì 1 marzo, nell’ambito di “Andy Warhol… in the City”, dalla mattina alla sera verranno allestiti una variopinta galleria d’arte e un grande palcoscenico a cielo aperto, tra performance di writer e pittori di fama nazionale, realizzazioni artistiche degli studenti della scuola primaria Giovanni Cena, dell’istituto comprensivo Perugia 4 e l’esibizione di una “crew” di break dance tra le più attive in città.
Si tratta di un vero e proprio happening culturale, denominato “Bahia Street Art and Dance”, nel quale la Pubbliwork Eventi (che organizza la mostra) e il Bahia Citystore di via Fonti Coperte hanno voluto far convergere espressioni artistiche affini ma differenti, tutte connesse con lo stile e la filosofia di Andy Warhol.

«Si è pensato di riportare in strada quelle arti che anche alla strada si sono ispirate, come la “pop-art” e la “Break Dance”, in un connubio tra creatività visiva e virtuosismo ballerino. Piazza Birago rappresenta un contesto naturale privilegiato per queste forme di espressione, approfittando anche della necessità di rivitalizzarlo ed impreziosirlo con un look nuovo e attrattivo», spiega Giovanni Paoletti, titolare dello storico negozio presente da 34 anni nel quartiere e che da pochi mesi ha rinnovato la propria sede in via Fonti Coperte, a pochi passi da questa piazza Birago.
Per questo al mattino le classi della scuola Cena si alterneranno, seguendo le indicazioni dell’artista perugino “Skizzo”, nella decorazione di un enorme cubo in legno allestito al centro della piazza. Poi nel pomeriggio le classi che si avvicenderanno concluderanno il lavoro al cubo mentre entreranno in azione gli altri artisti che su tre pannelli di 3 metri per 1,70, allestiti nei vani delle saracinesche di quelli che erano negozi storici della piazza ormai chiusi da tempo, realizzeranno dal vivo le opere pop. Si tratta del pittore, scenografo e costumista perugino Francesco Marchetti, in arte “Skizzo”; del pittore, scultore e writer Joe Disa, in arte Pablo Zangado, originario di New Orleans; e del gruppo di “Writers di Ponte San Giovanni e dintorni” guidato da Giacomo Bachiorri.
Nel frattempo, sul palco allestito per l’occasione, ci sarà l’esibizione dei ballerini di break dance con in testa il siciliano Domenico “Dips” Di Pietro e il dj Edoardo Paoletti, della crew “Fresh Souls”, con la partecipazione di elementi della scuola di danza Francesco Morlacchi e di altre scuole perugine.
L’evento è realizzato in collaborazione con l’Ufficio di cittadinanza “Le Fonti”, la Parrocchia dei SS. Biagio e Savino, l’Ater Umbria, la scuola di danza Morlacchi, l’Osteria Sud e l’istituto comprensivo Perugia 4.