Un giorno più indimenticabile del previsto, e non solo per gli sposi

CITTÅ DI CASTELLO (Perugia) – Matrimonio con.. blitz della finanza. A Città di Castello, nel bel mezzo dei preparativi per un matrimonio, sono arrivate le fiamme gialle e hanno scoperto ben 7 lavoratori in nero nella struttura in cui, di lì a poco, si sarebbe tenuto il ricevimento nuziale.

Una country house gestita da una società di Roma, nella quale in tutto i militari hanno trovato al lavoro 12 persone tra cuochi, camerieri e altro personale, solo 5 delle quali impiegate con un regolare contratto. Immediata, la segnalazione all’Ispettorato nazionale del lavoro, che ha disposto la sospensione dell’attività e comminato al responsabile della società romana una sanzione pecuniaria da quantificare tra i 10 e i 21mila euro.

All’arrivo di sposi e invitati – fanno sapere i militari – il blitz era già terminato, e gli ospiti, pur se serviti dai soli dipendenti in regola, si è potuto serenamente festeggiare.