L’episodio durante i lavori alla sala ibrida. La struttura: «Nessun danno a pazienti e operatori. Dispiaciuti, ma fatto accidentale»

TERNI – Durante i lavori per la realizzazione della sala ibrida dell’ospedale di Terni, stamattina, la punta di un trapano con cui un operaio stava forando il pavimento dove sarà allestito il nuovo agiografo, avrebbe trapassato il rivestimento raggiungendo il piano sottostante, «sfiorando solo di rimbalzo – stando a una nota del Santa Maria – un paziente ricoverato in Rianimazione che non ha riportato danni».

La dinamica dei fatti – stando sempre a quanto comunicato dall’ufficio stampa della struttura ospedaliera – a una prima valutazione risulterebbe caratterizzata da «tratti di elevata accidentalità». E direttore dei lavori e responsabile della sicurezza sembra stiano già definendo «tutte le misure finalizzate alla tempestiva ripresa dei lavori in completa sicurezza».

In sintesi: tanta paura, una buona dose di pericolo e nulla più, secondo il direttore sanitario, Sandro Fratini. «A parte un po’ di spavento nel reparto – il racconto -, il fatto non ha causato danni né al paziente né agli operatori che lo assistevano. Siamo fortemente dispiaciuti per questo inconveniente durante i lavori, soprattutto perché sappiamo quanto impegno è stato messo da parte di tutti per ridurre al minimo i disagi per i pazienti, in un ospedale dove insistono ancora quattro cantieri attivi che non possono essere fermati e che devono proseguire unitamente alla regolare attività assistenziale».