Proseguono le operazioni di monitoraggio dell’area in vista della riparazione dell’acquedotto sottostante

PERUGIA – La frana che la scorsa settimana si è staccata da una parete rocciosa in Val di Raniera, nel comune di Scheggia e Pascelupo, ha danneggiato anche l’acquedotto sottostante, che ora necessita di riparazioni. In vista delle operazioni, che dovrebbero iniziare a breve, «Comune e Protezione civile hanno richiesto l’intervento del Soccorso alpino e speleologico dell’Umbria – si apprende proprio dal Sasu – per la raccolta di informazioni e dati in loco e per verificare lo stato dei luoghi in vista della riparazione dell’acquedotto lesionato».

«Mentre il Comune ha provveduto ad interdire l’accesso all’area, una squadra del Sasu si è recata sul posto, effettuando sopralluoghi, raccogliendo materiale per immagini», prosegue la nota. L’area della frana, si legge ancora, è «particolarmente impervia con pareti di roccia instabile di oltre 50 metri, resa ancor di più a causa della frana».

E per questo «è stato necessario richiedere il supporto di un elicottero per consentire una migliore visione dei luoghi ed effettuare una esplorazione più meticolosa ed in sicurezza. Grazie al contributo della ditta Elitaliana, che ha messo a disposizione a titolo gratuito un elicottero, i tecnici del Sasu, a bordo del veivolo, hanno potuto effettuare al meglio quella che rientra nella attività di sicurezza “preventiva” e riduzione di rischi negli ambienti impervi».