Denunciato un quarantenne italiano residente in città

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Anni di violenze, fisiche e verbali. Anni di soprusi. Ai quali il Gip del tribunale di Perugia, ora, ha posto un freno: accusato di aver più volte aggredito la moglie «con violenze fisiche e verbali», un quarantenne italiano residente in città è stato allontanato dalla sua vittima con un provvedimento del giudice, che gli impone di tenersi a distanza e che si spera basterà a «tutelare in concreto la donna da altri futuri comportamenti lesivi da parte del marito».

È quanto si augurano i poliziotti del commissariato tifernate, che grazie al rapporto di empatia costruito con la poveretta l’hanno finalmente convinta ad aprirsi, e fare scattare la denuncia. A causa dei comportamenti «gravemente prevaricatori e violenti assunti dall’uomo», si apprende proprio dai poliziotti, strettamente connessi «all’uso abituale di sostanze alcoliche», il marito è stato deferito all’autorità giudiziaria per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori.