La segnalazione al 113 da parte di un cittadino permette alla polizia di fermare un pusher

PERUGIA – Il movimento sospetto dello spaccio non sfugge ai residenti, e una telefonata al 113 dà il via a una nuova operazione antidroga in zona Fontivegge.

«Polizia? Ci sono persone sospette all’esterno di un bar». Così parte la segnalazione. I poliziotti, sulla base delle descrizioni dei soggetti fornite dal cittadino e delle circostanze di tempo e di luogo, intuiscono che può trattarsi del movimento di spacciatori e intervengono con più pattuglia.

Al momento del loro arrivo, gli agenti trovano due stranieri che stanno “contrattando”, con una banconota in mano, presumibilmente per la cessione di sostanza stupefacente: alla vista delle volanti, i due si danno alla fuga in direzioni opposte. Entrambi sono stati bloccati.

Il primo è un tunisino di 19 anni, presunto acquirente della droga e già noto alle forze dell’ordine come assuntore di sostanza stupefacente.

Il secondo, un tunisino 48enne, presunto venditore della droga, clandestino e con precedenti specifici, prima di essere bloccato dagli agenti tenta di disfarsi di un involucro con quasi 20 grammi di marijuana. Viene inoltre trovato in possesso di alcuni oggetti considerati come provento di furto.

Viene arrestato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti e denunciato per i reati di false generalità fornite a pubblico ufficiale e ricettazione.