Lunedì sciopero nazionale degli autotrasportatori contro il “Mobility Package” che – dice Filt Cgil Umbria – rischia di peggiorare ulteriormente le condizioni di sicurezza

di Filt Cgil Umbria
(riceviamo e pubblichiamo)

PERUGIA – Come Filt Cgil dell’Umbria ci stringiamo attorno alla famiglia del camionista deceduto nel tragico schianto avvenuto nei pressi di Casacastalda, incidente che ha coinvolto più mezzi, anche pesanti.

Se il tema delle morti sul lavoro affligge il nostro paese in maniera endemica, spesso nel silenzio e nella rassegnazione dei più, noi non vogliamo rassegnarci a questo stato di cose. Vogliamo invece rilanciare il tema affinchè le istituzioni e la politica se ne facciano carico pienamente, ponendo questa piaga in cima all’agenda politica del paese. Non è possibile infatti che, proprio nei giorni in cui il parlamento europeo si accinge a votare il “Mobility Package”, pacchetto di norme che prevede il taglio dei tempi di riposo degli autisti (sia camionisti che conducenti di pullman), assistiamo inermi a tragiche morti come quella odierna.

Il “Mobility Package” rischia di peggiorare gravemente le condizioni di sicurezza di autisti e utenti della strada, pertanto come Filt aderiremo convintamente allo sciopero dell’autotrasporto proclamato per il giorno 14 gennaio dalle 00.00 alle 24.00 contro questa scellerata misura, portatrice di più fatica, meno concentrazione e meno sicurezza per tutti. Con il nostro sciopero chiediamo pertanto a tutti i parlamentari europei del nostro Paese di votare contro queste misure, e che ci si faccia invece carico di quella che appare sempre più come una strage silenziosa: le morti sul lavoro.