L’Adorazione dei Magi in mostra a palazzo Marino. Il sindaco Romizi: «Un’opportunità di visibilità importante»

PERUGIA – Il Perugino porta l’Umbria a Milano. L’Adorazione dei Magi dell’artista più rappresentativo della regione potrà infatti essere ammirata nella sala Alessi di palazzo Marino a Milano dall’1 dicembre al prossimo 13 gennaio, grazie all’iniziativa promossa dal Comune di Milano e Intesa Sanpaolo – partner istituzionale – con il sostegno di Rinascente.

La mostra è coordinata da Palazzo Reale e realizzata insieme alla Galleria nazionale dell’Umbria di Perugia, con il supporto del Comune di Perugia e della Regione Umbria, in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza Scala e organizzata con Civita.
L’esposizione è stata inaugurata ufficialmente ieri mattina, alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Milano Giuseppe Sala, del sindaco di Perugia Andrea Romizi e del direttore della Galleria nazionale Marco Pierini.
«Per Perugia, l’esposizione di un’opera tanto significativa e legata alla città, come L’Adorazione dei Magi del Perugino, definito il primo artista imprenditore – ha ribadito il sindaco Romizi –, è un’opportunità di visibilità importante, che arriva in un momento particolare come quello natalizio. Sono certo che essa rappresenterà per molti l’occasione per venire a visitare e soggiornare nella nostra bellissima città, approfittando anche dalla nuova tratta diretta Milano-Perugia del Freccia Rossa. Non posso che essere soddisfatto – ha concluso Romizi – di questo ulteriore collegamento culturale tra Milano e Perugia che si aggiunge ad altri legami storici come la costruzione proprio di Palazzo Marino da parte dell’architetto perugino Galeazzo Alessi o le antiche affinità familiari tra i Baglioni e le casate milanesi, una tra tutte quella degli Sforza. Ringrazio sentitamente –ha concluso Romizi- il Comune di Milano, il sindaco Giuseppe Sala e l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, la Galleria nazionale dell’Umbria con il suo direttore Marco Pierini». Nell’ambito della mostra verrà anche proiettato un suggestivo video promozionale di Perugia, raccontata attraverso i capolavori della Galleria e i suoi protagonisti.

«L’arrivo del capolavoro del Perugino simbolo della Galleria nazionale dell’Umbria è il magnifico dono di Perugia a Milano – ha tenuto a sottolineare il sindaco Sala -. Ma l’Adorazione è anzitutto un appuntamento con la bellezza e con il messaggio universale che il Perugino ci consegna ancora oggi e che sicuramente farà un record di visite».
«Il Comune di Milano ci ha fatto un enorme regalo – ha sottolineato il direttore Pierini – non solo perché ci ha permesso di restaurare una delle nostre opere più importanti, ma perché ci permette di farlo ammirare a migliaia di visitatori. Un regalo che assume ancora più importanza alla luce di quello che l’Umbria ha sofferto l’anno scorso».
Giunto alla sua undicesima edizione, il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte di Palazzo Marino vede, dunque, protagonista indiscusso il capolavoro di Pietro Vannucci detto il Perugino (Città della Pieve, circa 1450 – Fontignano, 1523).
L’opera, prestata dalla Galleria Nazionale dell’Umbria, è stata realizzata dall’artista intorno al 1473 per la chiesa di Santa Maria dei Servi a Perugia. La grande pala d’altare (olio su tavola, 242 x 180 cm) è attribuita al periodo giovanile del Perugino e rappresenta il primo significativo impegno dell’artista a Perugia.
L’esposizione a Palazzo Marino è curata da Marco Pierini, Direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria, che ha curato anche il catalogo della mostra, pubblicato da Silvana Editore.