Oltre all’urgenza e ai servizi minimi resta garantita anche la chirurgia oncologica maggiore

di Azienda ospedaliera di Terni
(riceviamo e pubblichiamo)

TERNI – All’ospedale di Terni appare molto alta l’adesione allo sciopero nazionale del personale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa del Ssn proclamato per oggi, 23 novembre, dalle principali sigle sindacali di categoria, ma la situazione è sotto controllo.

E’ stata sospesa e rinviata gran parte dell’attività programmata con esclusione della chirurgia oncologica maggiore. Naturalmente i servizi minimi essenziali, l’attività di Pronto Soccorso e tutta l’assistenza sanitaria d’urgenza sono e saranno garantite per tutta la durata dello sciopero attraverso l’impiego dei contingenti minimi, cioè di quella parte di personale esonerato dallo sciopero che viene preventivamente individuato dalla direzione per garantire, appunto, la continuità dei servizi minimi essenziali.