Sul piatto 27mila euro

NARNI (Terni) – Due affreschi di cui uno attribuito ai fratelli Torresani saranno restaurati da Comune e Fondazione Carit con un finanziamento di 27mila euro erogati dalla Fondazione Cassa di risparmio di Terni e Narni. Ne dà notizia l’assessore alla cultura, Lorenzo Lucarelli, che sottolinea il valore culturale, artistico e turistico dei restauri.

«Il restauro – dichiara Lucarelli – restituisce alla città un altro tassello della sua storia artistica e culturale e contribuisce ad aumentare il patrimonio d’arte, civile e religiosa, di cui si fregia Narni mettendolo a disposizione della sua capacità attrattiva anche dal punto di vista turistico. La collaborazione con la Fondazione Carit – conclude l’assessore – ha segnato un’altra tappa importante nel recupero del nostro patrimonio».

Gli affreschi si trovano nell’ex chiesa di San Domenico e raffigurano in particolare una Madonna con il bambino affiancata dai Santi Domenico e Tommaso d’Aquino, presente nella parete di fondo della navata di sinistra, e una resurrezione del Cristo con lunette decorate nella navata opposta che gli esperti attribuiscono ai Torresani.

Le opere erano rimaste in parte coperte dalla tinta bianca di calce con la quale erano stati disinfettati i muri dopo che, alla fine del XIX secolo, la chiesa era stata usata come stalla per i cavalli e successivamente come magazzino. Con l’intervento di recupero dell’edificio religioso erano stati già restaurati precedentemente i mosaici pavimentali, gli affreschi dell’antica abside e parte di quelli presenti nella grande cappella di sinistra.