Un’artista da standing ovation e l’annuncio: anche il Narnia festival dal 2019 approda nella Grande mela

NARNI (Terni) – Applausi, standing ovation e bis. È stata accolta con il consueto calore e un grandissimo apprezzamento la performance che la pianista ternana di fama internazionale Cristiana Pegoraro ha regalato alla Carnegie Hall di New York City per una tappa della tournée mondiale che l’ha vista esibirsi tra l’Italia e l’America dal mese di ottobre in 18 concerti.

All’evento, realizzato con il patrocinio della Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite nell’ambito del mese della Cultura Italiana negli Stati Uniti, la pianista ha presentato il programma dal titolo ‘I grandi compositori e le loro muse’, dedicato alla figura femminile nella musica classica con brani di Rossini, Beethoven, Chopin e sue trascrizioni originali per pianoforte.

Un omaggio alla donna che le è valso il ‘Premio Internazionale Fidapa – Donna di eccellenza’, ricevuto dalla Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari per essersi affermata nel mondo come testimone della migliore eccellenza in campo artistico. A consegnarlo il presidente dell’Italian American Committee on Education Berardo Paradiso e la senatrice Ada Urbani, past president dell’associazione Fidapa di Terni, a nome della presidente nazionale Caterina Mazzella.

Cristiana Pegoraro, definita dal New York Times «un’artista del più alto calibro», è anche ideatrice e direttore artistico del Narnia Festival, evento poliedrico che intreccia varie forme d’arte, musica e cultura, e propone spettacoli con artisti di fama e una didattica di livello internazionale in prestigiose location di Umbria e Lazio.

Proprio alla Carnegie Hall la pianista ha annunciato che, a partire dal 2019, il Narnia Festival svilupperà progetti di formazione e concerti anche a New York, dando così la possibilità ai giovani che partecipano al campus estivo di arricchire la propria formazione musicale con un’esperienza in una delle città culturalmente più vive e importanti al mondo. Al concerto ha fatto seguito un lussuoso ricevimento offerto da Urbani Truffle Lab e Urbani Tartufi, altra eccellenza umbra.