La storia di Melissa Fracassini, alunna del liceo di Scienze applicate “Giordano Bruno” di Perugia, campionessa italiana  di mezzo fondo

CORCIANO (Perugia) – «Per l’inizio di una brillante carriera sportiva frutto di un grande impegno e passione per la propria disciplina». È quanto si legge sulla pergamena conferita dal Comune di Corciano a Melissa Fracassini, 15enne del territorio, campionessa italiana di mezzo fondo nei mille metri. La gara del titolo si è svolta il 7 ottobre a Rieti e l’amministrazione non poteva certo perdere l’occasione di incontrarla.

L’atleta è stata ricevuta dal Sindaco e dall’assessore allo sport Andrea Braconi che ha commentato «è una bellissima realtà per il movimento dell’atletica, è importante avere questi esempi dove ancora è espresso lo sport più puro. Il sacrificio e la dedizione per l’attività sportiva – ha aggiunto – non viene messo in secondo piano rispetto alla scuola».

Ed infatti Melissa, che proviene da una famiglia di sportivi, frequenta con ottimo profitto il secondo anno del liceo delle scienze applicate “Giordano Bruno” a Perugia «i miei genitori – sottolinea – preferiscono che io vada bene a scuola, lo sport è solo una conseguenza». Una dichiarazione che lascia intuire quanta caparbietà ci sia dietro questa ragazzina bionda, all’apparenza anche più piccola della sua età, che dopo un assaggio di ginnastica ritmica, all’età di 7 anni è passata all’atletica leggera per non abbandonarla più.

«All’inizio mi allenavo con l’atletica Strozzacapponi – racconta ancora – perché era solo un gioco. Da un paio d’anni mi allena mio padre. Noi siamo molto legati, qualche volta litighiamo e quasi sempre è per lo sport, ma si risolve sempre subito. Lui – aggiunge ancora con orgoglio – era un’atleta, ha vestito la maglia azzurra nella mia stessa disciplina e nella mia stessa specialità».

Ma non è solo Francesco Fracassini, ad amare lo sport, corre anche la mamma di Melissa, mentre il fratello maggiore, 18enne, è un calciatore, ha già firmato un contratto professionistico ed attualmente gioca con la Jesina Calcio. Chiamata a parlare di come vive la sua età, la neo campionessa dichiara di non avere ancora il fidanzato ma molti amici che, comunque, non sempre capiscono i suoi ritmi.

«Quando ho le gare non posso permettermi di uscire e quindi vado a letto presto … ma non mi pesa, è una cosa che mi piace». E gli obiettivi a medio e lungo termine? «Partecipare agli europei a Rieti nel 2020 …. e poi il sogno sono le Olimpiadi» Un sogno troppo ambizioso? «Niente è impossibile» conclude sorridendo. Un atteggiamento che inorgoglisce l’assessore Braconi «sul territorio – conclude – ci sono anche altri atleti che hanno la stessa passione di Melissa e che cercheremo di supportare magari con qualche manifestazione condivisa».