Un fuoriprogramma tra il cantante e il Divin Codino diventa virale sui social

«La magia delle canzoni, la poesia dello sport, l’umanità dei veri campioni, la fantasia dei numeri 10. GRAZIE Robi. ❤️ Stasera 7000 persone più una, canteranno per te».  E un hashtag che dice tutto: #nonsidimentica. Cesare Cremonini felice come un bambino nel backstage, e non solo perché il suo concerto di Padova è come al solito sold out. No, stavolta c’è un motivo in più: Roberto Baggio.

«… Ah, da quando Senna non corre più. Ah, da quando Baggio non gioca più. Oh no, no! Da quando mi hai lasciato pure tu, non è più domenica …». Questo, il ritornello di “Marmellata #25” uno dei più grandi successi firmati dall’ex leader dei Luna Pop. Cremonini, bolognese doc e tifosissimo del Bologna, come tutti i supporter rossoblù ha il Divin Codino nel cuore.  Quel Bologna ’97-’98, con Renzo Ulivieri in panchina, che emozionò tutta l’Italia pallonata: Kenneth Anderson, Nervo, Paramatti e Marocchi ma soprattutto lui, Roby Baggio. Capocannoniere con 22 gol e ritornato magicamente e romanticamente sui livelli di Italia ’90. Una stagione sola, ma che ha emozionato una città intera e degli appassionati di calcio.

Baggio è un idolo di Cremonini, da sempre tifoso del Bologna (foto Instagram)
Baggio è un idolo di Cremonini, da sempre tifoso del Bologna (foto Instagram)

Quelle stesse emozioni che ha provato il pubblico di Padova mercoledì sera quando Cremonini, dopo aver ricevuto da Baggio la maglia n.10 del Bologna autografata («Grazie per tutto. Con affetto e amicizia») e averla postata sui social, nel corso del ritornello proprio di Marmellata #25 ha indicato verso la tribuna dove c’era Baggio: lo ha fatto alzare e gli ha dedicato quel ritornello così sentito, facendo commuovere Roby e le settemila persone presenti. Insomma, come in una delle “Notti magiche” che fecero impazzire l’Italia. Ma stavolta a fianco di Baggio c’era Cremonini.