Perugia, i controlli della polizia stradale. Al giovane tagliati anche 5 punti della patente

PERUGIA – Una multa fino a 664 euro e cinque punti della patente in meno: questo il risultato di una serata con un bicchiere di troppo per un giovane neopatentato. La legge infatti prevede che i minori di 21 anni (e con la patente da meno di 3) non possano bere assolutamente nulla di alcolico prima di mettersi al volante, visto che il loro tasso alcolemico in caso di controlli debba essere uguale a zero.

Questo il risultato dei controlli effettuati dalla polizia stradale la notte del 25 novembre, nell’ambito delle iniziative tendenti ad individuare nuove strategie per limitare il grave fenomeno degli incidenti stradali connessi all’uso e abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, che vedono coinvolti molti giovani. L’obiettivo principale di tale azione è infatti la prevenzione dell’incidentalità, purtroppo anche con conseguenze mortali, attraverso la sensibilizzazione dei giovani al rispetto delle norme e contestualmente alla salvaguardia della vita.

Per i controlli della scorsa notte, sono state impiegate congiuntamente quattro pattuglie della polizia stradale, della questura nonché personale medico e specialistico della polizia di Stato che hanno complessivamente sottoposto a controllo 22 veicoli e 23 occupanti tra conducenti e trasportati. Per le avverse condizioni meteo, caratterizzate da una pioggia incessante, le operazioni di controllo si sono svolte con particolare lentezza e prudenza per evitare rischi all’incolumità degli utenti e degli operatori.
Delle persone sottoposte a mirato controllo, un giovane neopatentato è stato sanzionato ai sensi dell’art. 186 bis/2 del Codice della Strada, a seguito della rilevazione di un tasso alcolemico compreso tra lo 0,0 e lo 0,5 gr/l. Per il giovane è scattata una sanzione amministrativa che va da 164 a 664 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida.