Se ne discute a Perugia

UMBRIA – “L’affido familiare in Umbria: realtà, esperienze e scenari futuri”: è il tema del convegno che si terrà a Perugia mercoledì 14 novembre, alla sala dei Notari, dalle ore 9 alle ore 17, e che si inserisce nell’ambito delle iniziative per la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e adolescenza che si celebra il 20 novembre.

Il programma prevede alle 9.30 i saluti dei rappresentanti delle istituzioni: la presidente Catiuscia Marini e l’assessore regionale alla Salute, Coesione sociale e Welfare Luca Barberini per la Regione Umbria, la Garante regionale per l’Infanzia e Adolescenza Maria Pia Serlupini, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, la direttrice del Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, Umane della Formazione dell’Università (“Fissuf”) di Perugia Claudia Mazzeschi.

I lavori, coordinati dalla Garante Maria Pia Serlupini, prevedono interventi di referenti di servizi regionali e comunali, docenti, psicologi, pedagogisti ed esperti provenienti da varie regioni. Verranno, fra l’altro, illustrati i risultati della prima fase di ricerca dell’Osservatorio regionale sull’affido familiare, di cui parlerà la coordinatrice dell’Osservatorio, Silvia Fornari, del Dipartimento “Fissuf” dell’ateneo perugino. La pedagogista Andreana Olivieri affronterà «l’importanza dell’affido sia come strumento preventivo sia come risorsa riparativa nel percorso di tutela dei minori».

Dalle ore 14, i partecipanti si riuniranno in gruppi di lavoro, nella Sala del Consiglio comunale, su «come rilanciare la cultura dell’affido, come lavorare sulla motivazione delle famiglie e ricostruire il tessuto sociale» e, alla sala della Vaccara, su “«il ruolo dell’assistente sociale e dello psicologo nell’equipe affidi: modelli operativi». I gruppi condivideranno poi valutazioni e proposte. A chiudere i lavori il dirigente del Servizio regionale Programmazione sociale, Alessandro Maria Vestrelli.