Grande risultato per due ricercatori perugini alla finalissima del concorso InnovativeFpga. Il loro progetto tra i migliori 5 presentati

PERUGIA – Ottimo risultato per l’Università degli Studi di Perugia alla finalissima del concorso InnovateFpga, indetto da Intel e Terasic e svoltosi al campus Intel a San Jose in California.

I portacolori dell’Ateneo perugino, Mirko Mariotti (dipartimento di Fisica e Geologia), Loriano Storchi e Daniele Spiga (Infn Perugia), hanno ottenuto il 4° posto con il progetto “BondMachine” e sono stati premiati con l’Iron Award. Il progetto “BondMachine” riguarda un nuovo tipo di architettura informatica in cui set eterogenei di unità computazionali possono essere configurati e specializzati in modo autonomo per assolvere a un compito specifico, creando così architetture differenti basate sul problema.

Il concorso InnovateFpga (Field programmable gate array) in elettronica digitale indica un dispositivo formato da un circuito integrato le cui funzionalità sono programmabili via linguaggi di descrizione dell’hardware), rappresenta un’opportunità per gli sviluppatori di mostrare i vantaggi dell’Fpga e illustrarne le potenzialità. I concorsi Innovate Asia, Innovate Nordic e Innovate North America hanno spronato migliaia di tecnici a progettare, creare e innovare: quest’anno gli eventi regionali sono stati fusi in un unico concorso globale – InnovateFpga – dove team da tutto il mondo si sono sfidati per inventare il futuro dell’elaborazione embedded con Terasic e Intel.

Più di 400 progetti hi-tech da tutto il mondo sono stati divisi per fasce continentali e sottoposti a varie fasi di giudizio nell’arco del 2018.