A Perugia si stacca l’intonaco di Palazzo Cesaroni, a Terni una pianta cade nella notte sui binari

PERUGIA – Allerta arancione. Dunque, situazione da tenere sotto controllo. Secondo le previsioni degli esperti meteo e l’ultimo bollettino stilato dalla protezione civile regionale, l’ultima domenica di ottobre segna l’arrivo in Umbria di una perturbazione a tutta pioggia e vento che durerà almeno fino a martedì ma con il rischio che “sconfini” anche sul ponte lungo di Ognissanti.

Intanto, dal pomeriggio di sabato, i vigili del fuoco dei due comandi provinciali di Perugia e Terni sono al lavoro per decine di interventi legati proprio alle condizioni meteo. Non tanto alla pioggia, che comunque dalla notte tra sabato e domenica è iniziata a cadere abbondante sotto forma di temporali violenti e improvvisi, quanto soprattutto al vento forte.

A Perugia l’allerta è arrivata fino in Regione, con i pompieri e la polizia municipale chiamati nella prima serata di sabato a un intervento d’urgenza per un pezzo di intonaco che si stava staccando da palazzo Cesaroni e che minacciava di cadere sui passanti: chiusa precauzionalmente via del Forte fino alla risoluzione del problema. Altri due interventi d’urgenza nella zona di Ponte Felcino, dove il vento aveva scoperchiato parte del tetto di un’azienda, e a Rivotorto con l’allarme arrivato sempre dal tetto di un megastore. Tanti altri interventi minori ma comunque non facili da sbrigare legati alla caduta di rami e alberi. Come quello in corso dalle prime ore nella zona tra Santa Maria degli Angeli e Bastia, dove la caduta di una grossa quercia in mezzo alla strada ha isolato quattro abitazioni.
Si sono registrati diversi allagamenti nella zona di Spoleto, mentre diversi sono stati i rami e le piante tra Foligno, Assisi, Perugia e Todi. Sono stati tre gli incidenti stradali dovuti molto probabilmente al maltempo, ma tutti per fortuna non gravi: il primo a Gioiella, nella zona di Castiglione del lago, il secondo lungo la E45 (direzione sud) nei pressi di Promano, il terzo a Villa di Magione, dove una vettura ha colpito una colonnina del gas metano provocando la rottura della tubazione. La squadra dei vigili del fuoco intervenuta ha provveduto a chiudere la strada al traffico e tamponare la fuoriuscita del gas.

Tanti interventi (una cinquantina solo fino a mezzogiorno) anche a Terni, tra sabato e le prime ore di domenica, per cantine e garage allagati e alberi caduti. In particolare, nella notte tra sabato e domenica, una grossa pianta si è abbattuta sul muro esterno della ditta Polymer finendo sui vicini binari del treno. Si è reso necessario anche l’uso di un escavatore per la rimozione.

Allerta arancione, dunque. Secondo il bollettino emesso nella serata di sabato dalla protezione civile regionale, da domenica «e per le successive 24-36 ore, si prevedono precipitazioni diffuse, anche a carattere temporalesco, tra le altre regioni, anche sull’Umbria. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento». Inoltre «dal pomeriggio di domenica e per le successive 24-36 ore, si prevede il persistere di venti da forti a burrasca dai quadranti meridionali, tra le altre regioni, anche sull’Umbria».